Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconvaticano notizie
line break icon

I funerali cantati per il clochard morto a dicembre

Vatican Insider - pubblicato il 03/03/17

Grzegorz Siejda era un senzatetto che viveva nei dintorni della parrocchia di San Raffaele Arcangelo al Trullo. Aveva 58 anni, ed è morto di freddo la notte del 17 dicembre 2016. Da allora il suo corpo è rimasto a disposizione delle autorità che soltanto il 2 marzo hanno concesso il nulla osta per la sepoltura. 

Venerdì 3 marzo 2017, primo di Quaresima, alle tre del pomeriggio, nell’ora in cui si fa memoria della morte di Gesù, Grzegorz ha avuto il suo funerale. A celebrarlo è stato il vescovo Konrad Krajewski, Elemosiniere del Papa. La liturgia nella chiesa di San Raffaele è stata animata dal coro della comunità di Sant’Egidio, che aveva scritto in un invito: «Vogliamo dargli il nostro saluto in tanti e pregare insieme per una città più umana».  

Dolore e preoccupazione «di fronte alla morte per freddo di chi, anche d’inverno, dorme per strada» aveva manifestato la Comunità di Sant’Egidio alla notizia del ritrovamento del corpo dell’uomo privo di vita nel suo giaciglio in strada. In una nota la Comunità aveva rilevato che la vittima «non era un invisibile, ma aveva una storia e un nome. Occorre accelerare l’impegno per rendere Roma più accogliente e solidale, non si può restare indifferenti nei confronti di questo ennesimo dramma dei senza dimora». Il 20 dicembre era stata organizzata una veglia di preghiera in ricordo della vittima in via del Trullo, angolo via di Montecucco, cioè il luogo in cui l’uomo è stato ritrovato senza vita. 

Già nei primi mesi di pontificato, Francesco aveva detto: «Muore un senzatetto per strada e non è notizia, mentre se la borsa fa registrare un calo di qualche punto è una notizia drammatica». Lo scorso gennaio, come si ricorderà, contro il gelo pungente il Papa aveva fatto aprire dormitori per i senzatetto e aveva fatto distribuire sacchi a pelo e coperte.  

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni