Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
vaticano notizie
separateurCreated with Sketch.

Il Vaticano contro la pena di morte: “Non si fa giustizia uccidendo”

Vatican Insider - pubblicato il 02/03/17

Allo stato attuale, non vi sono prove sufficienti per dimostrare che la pena di morte abbia un effetto deterrente sulla criminalità. Così l’osservatore permanente della Santa Sede, l’arcivescovo Ivan Jurkovic, è intervenuto ieri alle Nazioni Unite di Ginevra. Esprimendo apprezzamento per gli sforzi intrapresi in molti Paesi per l’eliminazione della pena capitale, il presule nel suo intervento – riportato in stralci dalla Radio Vaticana – ha sottolineato la sacralità della vita dal concepimento alla morte naturale e, citando il Papa, ha ribadito che «anche un criminale ha il diritto inviolabile alla vita»

«La giustizia umana infatti è fallibile, la pena di morte irreversibile» e a volte essa viene applicata anche su persone innocenti, ha detto monsignor Jurkovic. Per questo motivo ha invitato le autorità legislative e giudiziarie a cercare sempre di garantire la possibilità per i colpevoli di pentirsi e rimediare ai loro crimini. Richiamando ancora le parole del Papa, l’osservatore permanente ha affermato che: «Per uno Stato di diritto la pena di morte rappresenta un fallimento, perché obbliga uno Stato ad uccidere in nome della giustizia. Ma la giustizia non è mai raggiungibile attraverso l’uccisione di un essere umano». 

«Esistono misure più umane per affrontare il crimine» ha insistito il delegato vaticano, chiedendo di assicurare alla vittima il diritto alla giustizia e a al criminale la possibilità di cambiare vita. «Questo – ha detto – favorirà lo sviluppo di una società più giusta ed equa, nel pieno rispetto della dignità umana”. 

Ribadendo infine l’impegno della Santa Sede nel conseguire l’abolizione dell’uso della pena di morte e nel sostenere, come misura provvisoria, le moratorie stabilite dalla risoluzione dell’Assemblea Generale 2014, l’arcivescovo ha invitato gli Stati membri a migliorare le condizioni di detenzione nel rispetto della dignità di ogni persona,indipendentemente dal crimine compiuto, e a garantire il diritto degli imputati adun processo equo e giusto

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.