Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconvaticano notizie
line break icon

Ior, condannati gli ex dirigenti Cipriani e Tulli

Vatican Insider - pubblicato il 23/02/17

Condannati. Si è concluso così dopo 7 anni (tra indagini e processi) il processo nei confronti dell’ex direttore generale dello Ior Paolo Cipriani e del suo ex vice Massimo Tulli con due condanne a 4 mesi e 10 giorni di reclusione. l pm Stefano Rocco Fava e Stefano Pesci avevano sollecitato – nell’udienza del 20 gennaio scorso – per gli indagati pene di un anno nei confronti di Cipriani e dieci mesi per Tulli.  

I due ex Ior hanno violato norme antiriciclaggio. Nello specifico una serie di omissioni legate ad operazioni ritenute sospette. Omissioni punite dalle disposizioni in materia di prevenzione delle operazioni di riciclaggio. I due sono stati però assolti perché il fatto non sussiste dal presunto riciclaggio per cui la Procura sequestrò nel 2010 i 23 milioni di euro destinati a essere trasferiti, su input dell’allora dirigenza Ior, da una filiale del Credito Artigiano alla Banca del Fucino e alla J.P. Morgan Frankfurt in violazione della normativa antiriciclaggio.  

Nel disporre l’esecuzione di due bonifici (il primo di 3 milioni di euro verso Banca del Fucino, il secondo di 20 milioni verso Jp Morgan). I pm ritenevano che la dirigenza Ior, rappresentata dai due imputati, «omise di indicare, benché richiesti dal Credito Artigiano, le generalità dei soggetti per conto dei quali si dava esecuzione alle operazioni e omise di fornire, allo stesso istituto, informazioni sullo scopo e sulla natura prevista dal rapporto continuativo». Il denaro venne dissequestrato nel giugno del 2011. 

Lo scorso 20 gennaio aveva spiegato nella lunga requisitoria il pm Fava che «storicamente lo Ior si è sempre relazionato con le banche italiane senza spiegare alle stesse che cosa realmente accadesse lì, senza fornire mai alcuna informazione. E’ visto come un luogo dove nascondere denaro di provenienza illecita. E ad oggi non avendo adempiuto a una serie obblighi normativi, lo Ior non può avere rapporti con le banche italiane».  

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni