Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconNews
line break icon

Dal confessionale al divano: la Chiesa, antesignana della psicoterapia

EAST NEWS

Vanderlei de Lima - Igor Precinoti - pubblicato il 23/02/17

Vuoi stare bene? Guarda a ciò che ci viene offerto dalla scienza e dalla fede

La tecnologia, i media, i social network e l’accesso a prodotti un tempo irreperibili e lontani stanno trasformando l’individuo e la società. Le certezze di ieri sono diventate “relative”; le amicizie e le relazioni, che una volta erano forti, sono diventate virtuali e flessibili.

Queste trasformazioni portano alcuni problemi. Ad esempio ci si sente soli, benché si abbiano centinaia di amicizie virtuali, e i sorrisi nelle foto condivise sui social spesso nascondono l’infelicità delle persone.

Questa triste constatazione è dimostrata dalle statistiche, che mostrano un aumento significativo dell’insorgenza di situazioni di depressione e di disturbi legati all’ansia, tra le altre.

Uno degli strumenti che aiuta le persone a superare le proprie difficoltà esistenziali, le sofferenze emotive e i conflitti interpersonali è la psicoterapia. Si tratta di un metodo di trattamento applicato da professionisti qualificati, in genere psicologi e psichiatri, che mira a ristabilire l’equilibrio psichico del paziente attraverso un processo di trasformazione interiore.


LEGGI ANCHE: Religione e psicanalisi possono incontrarsi senza confondersi?


Secondo Carl Jung – psichiatra e psicoterapeuta fondatore della psicologia analitica, vissuto nei primi anni del XX secolo – il processo di trasformazione portato avanti dalla psicoterapia si compone di quattro fasi: la confessione, la chiarificazione, l’educazione e la trasformazione. Diamo un’occhiata a ciascuna di esse.

Nella prima fase – la confessione – il paziente rivela tutto ciò che fino ad allora era nascosto, esprime a parole la propria condizione, descrive e condivide il proprio dolore.

La seconda fase – la chiarificazione – dimostra che, rivelando ciò che era nascosto, il paziente comincia a capire i propri sentimenti, a percepire le proprie emozioni. L’individuo comprende le ragioni che lo hanno portato alla sofferenza, riconoscendo le sue debolezze e le sue verità nascoste. Questa comprensione si chiama intuizione.

Nella terza fase – l’educazione – il paziente, consapevole delle proprie debolezze e comprendendo in modo diverso le proprie emozioni e i propri sentimenti, si prepara ad assumere un nuovo atteggiamento nei confronti della vita, ad affrontare nuovi rischi.

La quarta fase – la trasformazione – si verifica quando vi è un effettivo cambiamento nell’individuo, che assume definitivamente un approccio diverso alla vita.

La psicoterapia è un processo di trasformazione che inizia con la conoscenza di se stessi, e il primo passo di questo processo è la confessione. Per Jung la “ritenzione e il segreto sono nocivi” e alla loro azione nociva “la natura reagisce con la malattia”.

Si può quindi dire che il ruolo di aiutare le persone a trovare il proprio equilibrio emotivo e mentale – che oggi psicologi e psichiatri compiono magistralmente attraverso la psicoterapia – è stato per molti anni, a modo suo, portato avanti solo dalla Chiesa, attraverso il Sacramento della Confessione.

Vengono dunque confermate le parole di Jung nel libro Pratica della psicoterapia: “I primordi di ogni trattamento analitico della psiche vanno ricercati nella confessione religiosa.

La confessione laica, nella psicoterapia, e quella religiosa, nella Chiesa cattolica, non possono che fare del bene – anche se in campi diversi – a chi vi ricorre. L’uomo trova grande beneficio nel perdonare se stesso e gli altri. Lo rivela anche uno studio condotto da Loren Toussaint, pubblicato sul Journal of Health Psychology: dopo aver ascoltato 148 giovani adulti, si è giunti alla conclusioni che perdonare faccia bene alla salute. Chi perdona facilmente è meno soggetto allo stress o ad altri problemi psichici rispetto a coloro che hanno difficoltà a perdonare.


LEGGI ANCHE: 7 cose da ricordare quando sembra impossibile perdonare 


aCaro lettore: Vuoi stare bene? Guarda a ciò che ci viene offerto dalla scienza e dalla fede.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
confessionepsicanalisipsicologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni