Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Ottobre |
San Luigi Guanella
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Dal confessionale al divano: la Chiesa, antesignana della psicoterapia

EAST NEWS

Vanderlei de Lima - Igor Precinoti - pubblicato il 23/02/17

Vuoi stare bene? Guarda a ciò che ci viene offerto dalla scienza e dalla fede

La tecnologia, i media, i social network e l’accesso a prodotti un tempo irreperibili e lontani stanno trasformando l’individuo e la società. Le certezze di ieri sono diventate “relative”; le amicizie e le relazioni, che una volta erano forti, sono diventate virtuali e flessibili.

Queste trasformazioni portano alcuni problemi. Ad esempio ci si sente soli, benché si abbiano centinaia di amicizie virtuali, e i sorrisi nelle foto condivise sui social spesso nascondono l’infelicità delle persone.

Questa triste constatazione è dimostrata dalle statistiche, che mostrano un aumento significativo dell’insorgenza di situazioni di depressione e di disturbi legati all’ansia, tra le altre.

Uno degli strumenti che aiuta le persone a superare le proprie difficoltà esistenziali, le sofferenze emotive e i conflitti interpersonali è la psicoterapia. Si tratta di un metodo di trattamento applicato da professionisti qualificati, in genere psicologi e psichiatri, che mira a ristabilire l’equilibrio psichico del paziente attraverso un processo di trasformazione interiore.


LEGGI ANCHE: Religione e psicanalisi possono incontrarsi senza confondersi?


Secondo Carl Jung – psichiatra e psicoterapeuta fondatore della psicologia analitica, vissuto nei primi anni del XX secolo – il processo di trasformazione portato avanti dalla psicoterapia si compone di quattro fasi: la confessione, la chiarificazione, l’educazione e la trasformazione. Diamo un’occhiata a ciascuna di esse.

Nella prima fase – la confessione – il paziente rivela tutto ciò che fino ad allora era nascosto, esprime a parole la propria condizione, descrive e condivide il proprio dolore.

La seconda fase – la chiarificazione – dimostra che, rivelando ciò che era nascosto, il paziente comincia a capire i propri sentimenti, a percepire le proprie emozioni. L’individuo comprende le ragioni che lo hanno portato alla sofferenza, riconoscendo le sue debolezze e le sue verità nascoste. Questa comprensione si chiama intuizione.

Nella terza fase – l’educazione – il paziente, consapevole delle proprie debolezze e comprendendo in modo diverso le proprie emozioni e i propri sentimenti, si prepara ad assumere un nuovo atteggiamento nei confronti della vita, ad affrontare nuovi rischi.

La quarta fase – la trasformazione – si verifica quando vi è un effettivo cambiamento nell’individuo, che assume definitivamente un approccio diverso alla vita.

La psicoterapia è un processo di trasformazione che inizia con la conoscenza di se stessi, e il primo passo di questo processo è la confessione. Per Jung la “ritenzione e il segreto sono nocivi” e alla loro azione nociva “la natura reagisce con la malattia”.

Si può quindi dire che il ruolo di aiutare le persone a trovare il proprio equilibrio emotivo e mentale – che oggi psicologi e psichiatri compiono magistralmente attraverso la psicoterapia – è stato per molti anni, a modo suo, portato avanti solo dalla Chiesa, attraverso il Sacramento della Confessione.

Vengono dunque confermate le parole di Jung nel libro Pratica della psicoterapia: “I primordi di ogni trattamento analitico della psiche vanno ricercati nella confessione religiosa.

La confessione laica, nella psicoterapia, e quella religiosa, nella Chiesa cattolica, non possono che fare del bene – anche se in campi diversi – a chi vi ricorre. L’uomo trova grande beneficio nel perdonare se stesso e gli altri. Lo rivela anche uno studio condotto da Loren Toussaint, pubblicato sul Journal of Health Psychology: dopo aver ascoltato 148 giovani adulti, si è giunti alla conclusioni che perdonare faccia bene alla salute. Chi perdona facilmente è meno soggetto allo stress o ad altri problemi psichici rispetto a coloro che hanno difficoltà a perdonare.


LEGGI ANCHE: 7 cose da ricordare quando sembra impossibile perdonare 


aCaro lettore: Vuoi stare bene? Guarda a ciò che ci viene offerto dalla scienza e dalla fede.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
confessionepsicanalisipsicologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
2
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
7
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni