Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 05 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

No, l’alcol non aiuta a dimenticare. Lo dice la scienza

web-drinking-bottles-alcoholism-axel-bueckert-shutterstock_284143052-e1468442900996

Shutterstock/Axel Bueckert

Daniel R. Esparza - Aleteia inglese - pubblicato il 22/02/17

L'evasione dalla realtà è possibile solo nel breve periodo

Se bevete per dimenticare… lasciate stare. Gli studi condotti presso la University of Texas di Austin (nel 2011) e presso la John Hopkins University di Baltimora (quest’anno) confermano che, sebbene l’alcol faccia sicuramente dimenticare alcune cose (come ad esempio ciò che stavate facendo la notte in cui vi siete ubriacati), dall’altro lato aumenta la capacità di ricordare determinate altre cose. L’esposizione all’etanolo (cioè all’alcol) “migliora la plasticità sinaptica in una zona chiave del cervello”. In parole povere, bere vi farà dimenticare alcune cose (come ad esempio dove avete lasciato le chiavi, o il nome di qualcuno), ma a livello inconscio state in realtà consolidando ricordi e costruendo abitudini, che fungeranno da modelli di comportamento.

I ricercatori della John Hopkins hanno diviso dei topi di laboratorio in due gruppi. Nell’arco di due ore, ad un gruppo è stato dato da bere solo acqua, all’altro gruppo invece solo alcol. Poi entrambi i gruppi sono stati esposti ad un suono, seguito quindi da una scossa elettrica. Il giorno dopo, ai roditori è stato fatto udire lo stesso suono, ma questa volta tale esposizione non è stata seguita dalla scarica elettrica. I risultati hanno mostrato che i topi che avevano  bevuto alcol erano più spaventati di quelli a cui era stata somministrata solamente dell’acqua, e ricordavano più a fondo le sensazioni della scarica elettrica. Vale a dire, l’alcool perpetua la sensazione di paura, perché intercetta un neurotrasmettitore (il glutammato) coinvolto nella gestione dei ricordi. Quindi sì, a breve termine l’alcol potrebbe aiutarvi ad evadere dai problemi, ma non cancellerà gli effetti di eventuali traumi passati.

Per leggere l’intera ricerca, cliccate qui.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
alcolismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni