Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconArte e Viaggi
line break icon

La Basilica del “santo di tutto il mondo”

© Mikadun / Shutterstock

Daniel R. Esparza - Aleteia - pubblicato il 22/02/17

È nato a Lisbona ma è morto a Padova, e praticamente non esiste cappella in cui non sia presente una sua immagine

La tradizione si riferisce a lui come al “Doctor Evangelicus“, perché ha scritto sermoni per ogni giorno dell’anno. Non è un caso che, secondo la tradizione, lo stesso Francesco d’Assisi avrebbe detto che la sua missione era quella di predicare. Ma è stato Leone XIII, alla fine del XIX secolo, che per la prima volta ha fatto riferimento a Sant’Antonio da Padova come al “santo di tutto il mondo”: la sua devozione è infatti sparsa ovunque. Praticamente non c’è cappella, tempio, basilica o cattedrale dove non vi sia una sua immagine.

¡Haz clic en la postal para hacer un tour virtual por la Basílica!

Portoghesi e italiani se lo contendono come proprio, e non senza ragioni (da entrambi i lati): è nato a Lisbona, col nome di Fernando de Bulloes e Taveira de Azevedo, ma entrando nell’Ordine dei Frati Minori (cioè nell’ordine francescano) ha assunto il nome di “Antonio” in onore di Sant’Antonio Abate. A Padova, città dove è morto ed è stato sepolto, c’è la basilica a lui dedicata, conosciuto dal popolo semplicemente come “Il Santo”.La basilica fu costruita proprio accanto alla vecchia chiesetta di Santa Maria Mater Domini, dove il santo ha chiesto di essere sepolto, e negli anni è stata ampliata: nel corso dei secoli il tempio ha subito varie modifiche, ed oggi è difficile dire se il tempio sia romanico, gotico, rinascimentale o barocco. Quello che sappiamo è che, data la sua indole da insigne predicatore, il reliquiario d’oro conserva la lingua e la mascella del santo, che sono le più preziose reliquie della Basilica.Se vuoi conoscere di più sulla Basilica di Sant’Antonio di Padova, sfoglia questa photogallery. Puoi inoltre fare clic sulla cartolina più in alto, iniziando così un tour virtuale del tempio.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni