Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconSpiritualità
line break icon

Curati, Dio è in te!

padre Carlos Padilla - pubblicato il 20/02/17

Voglio fare del mio tempio, del mio corpo e della mia anima, un luogo sacro

Non so vedere Dio nell’apparenza della carne. Non lo vedo in me stesso. E io sono suo tempio. Ogni volta che lo ricevo mi riempio della sua presenza. Ogni volta che mi soffermo a pregare in silenzio. Ma poi spesso mi dimentico. Dimentico che Dio vive nella mia anima.

Mi fa bene pensare alle parole di Santa Teresa ne Il Castello Interiore: “Il vero amante ama dovunque e si ricorda sempre dell’amato”.

Trascuro il tempio del mio cuore. Trascuro il suo amore. Dimentico il mio mare profondo nel quale Egli naviga. Dimentico che lo Spirito Santo abita in me. Sono tempio di Dio ma non amo. Non lo amo ovunque. Amare l’amato.

Dico che lo amo ma non percepisco il suo amore per me. E voglio toccarlo ma non lo tocco. Voglio curare il tempio che Dio mi affida. Non voglio distruggerlo con la mia negligenza. Non voglio lasciare che si sporchi e si rovini con le mie dimenticanze e i miei tradimenti.

Voglio essere fedele a quella presenza invisibile di Dio in me. Voglio curare il corpo, curare l’anima. Curare la mia vita.

Non per proteggermi dal mondo. Questa è la tentazione dell’uomo che per curare tanto il suo tempio smette di essere inviato, smette di essere missionario. Non voglio curare tanto la mia vita da non avere il coraggio di donarla con generosità.

Non voglio essere tanto attento ai miei tempi da non correre il pericolo di farmi male uscendo dalla mia comodità. Voglio curare il tempio che Dio mi ha affidato ma senza nascondermi. Amando sempre. Dando la vita.

Voglio fare del mio tempio, del mio corpo e della mia anima, un luogo sacro. Per questo ho bisogno di più silenzio. Per ascoltare Dio. Voglio la sua saggezza che mi insegna il cammino della vita. Non mi sento saggio in questo mondo. Mi sento ignorante. Ma vorrei avere la saggezza di Dio. Imparare da Lui. Ho bisogno di uno sguardo puro e innocente sulla vita. Guardare la vita come la guarda Dio. Sono pieno di pregiudizi. E pretendo di trovare sempre la risposta corretta.

Mi serve un atteggiamento di rispetto e ammirazione davanti al tempio di Dio degli altri. Nell’altro Gesù è vivo e presente, e io lo dimentico. Nel suo tempio c’è Dio. Quel tempio che tante volte distruggo con i miei giudizi, con le mie critiche, con le mie condanne. L’anima si avvelena.

Trascuro il mio sguardo. Tempio di Dio. Voglio rendere presente l’amore di Dio. Voglio portare a tutti lo sguardo di Dio. Quanto è facile trascurarmi! Divento del mondo. Mi dimentico. Mi chiudo nella mia carne e non mi apro all’amore di Dio.

Anche se a volte mi costa notare la sua presenza, voglio cercarlo ogni giorno. In ogni momento. Sarò santo perché il mio Dio è santo. Questo mi dà sollievo. Sarò santo e custodirò il suo tempio perché Gesù è santo e puro.

La purezza della mia anima. Quell’impurità che tante volte mi allontana da Lui. Un cuore limpido e puro come il suo. Nell’alleanza d’amore con Maria ripetiamo “Nulla senza di te, nulla senza di noi”. Mi sembra impossibile essere all’altezza, essere fedele sempre. Non cadere mai.

Mi sembrerebbe assurdo riporre la mia felicità nel fatto di essere sempre fedele. Maria lo sa, e per questo la condizione non è posta nelle mie capacità. Non si concentra sui miei talenti, sulla mia forza.

Nulla senza di me. È vero. Il mio tempio aperto. Nulla senza il mio “Sì” che rende possibile l’azione di Dio in me. Il “Sì” della fanciulla Maria nella grotta di Nazareth. Lì dove ha ascoltato la voce dell’angelo e ha pronunciato il suo “Sì”. Fiat. Si compia. E tutto si è fatto nuovo in Lei. Perché Ella ha offerto il suo “Sì” semplice e povero. Senza grandi pretese.

Anch’io offro il mio “Sì”. Non so come sarà. Si apre il mio tempio ferito. La mia roccia spaccata. La mia terra calpestata. Maria pronuncia il suo “Sì” sulla mia vita. Non sono santo per i miei meriti, ma perché Dio è santo. Perché Maria è santa.

Il mio cuore si calma. Il mio tempio non verrà distrutto perché è il tempio di Dio. Vivrò per sempre. Questa speranza sostiene la mia vita.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni