Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
San Pantaleone
home iconSpiritualità
line break icon

Come dare un senso alla sofferenza? La risposta di una donna bipolare

©Youtube KTO

CATHERINE SOUDÉE - pubblicato il 17/02/17

Per guarire è necessario che ci sia una persona che ti ascolti e aiuti

Da 25 anni l’autrice Véronique Dufief soffre di un disturbo mentale chiamato “bipolarismo”. Questa malattia colpisce persone che sono più sensibili e fragili di altre. “Proprio come esistono delle condizioni fisiologiche in cui si abbassano notevolmente le difese immunitarie e il soggetto diventa vulnerabile ad ogni virus con cui entra in contatto, esistono anche delle condizioni psichiche di ipersensibilità che privano il soggetto di qualsiasi protezione in relazione al suo ambiente”.

Per proteggersi da ciò che potrebbe farle del male, Véronique Dufief si è chiusa in se stessa, costruendosi un muro intorno. Pensava che così tutto sarebbe andato bene, ma soffriva molto e sentiva una grande solitudine. Un giorno ha chiesto a Gesù di guarirla. Due giorni dopo è stata ricoverata in ospedale per una crisi di delirio. Si era manifestato il suo bipolarismo.

Una successione di montagne russe

Dufief descrive la malattia come una successione di montagne russe, con alternanza di episodi depressivi ( “ti senti depressa, senza vitalità, scoraggiata, amorfa, apatica”) ed episodi chiamati “maniacali”, con periodi in cui è ricoverata in ospedale. “Un’ebollizione, un’effervescenza, un’esaltazione… sono stati che possono raggiungere la forma patologica dichiarata di delirio”.


LEGGI ANCHE: 8 sintomi fisici della depressione


L’autrice parla dei diversi nomi con cui è stato definito, nel corso dei secoli, il bipolarismo: Jean-Jacques Rousseau veniva chiamato ”ciclotimico” o “lunatico”. Nel XIX secolo si parlava di “malinconia”. Fino a poco tempo fa veniva utilizzato il termine “psicosi maniaco-depressiva”, ma è un’espressione negativa. Dufief preferisce il nome usato al giorno d’oggi: “bipolarismo”.

Avere attorno a sé una terza persona

Con verificarsi degli episodi della sua malattia, questa donna ha conosciuto diversi medici che l’hanno presa in cura, ed ha potuto fare progressi e diventare più umile.

“C’è qualcosa che è cambiato, impercettibilmente ma radicalmente, al punto da accettare la mia vulnerabilità”, dice. Per guarire, ci dice, è necessario che una terza persona ti ascolti ed aiuti. 

Spiega anche che oggi i farmaci sono efficaci e che, seguendo le prescrizioni del medico, li prende volentieri. Bisogna anche tenere “uno stile di vita sano, semplice ma deciso, ad esempio impegnandosi a fare ogni giorno una passeggiata di un’ora”.

L’aiuto di uno psicoterapeuta

L’hanno aiutata anche a livello psicologico. Grazie alla terapia psicologica ha imparato, lentamente, ad avere un corretto rapporto con le figlie. La nostra intelligenza viene da Dio. È cosa buona vivere nel presente, trovare sostegno nella fede e imparare ad amare e perdonare. In realtà siamo tutti “poveri in cerca di amore”.

L’importanza della preghiera

Véronique Dufief ha scoperto l’importanza di pregare durante un ritiro presso l’Abbazia di Saint-Wandrille de Fontenelle, nella Normandia francese. “Se le dedico del tempo ogni giorno, con dedizione, la preghiera entrerà gradualmente in ogni aspetto della mia vita”.

Alla fine del suo libro, l’autrice spiega come il Signore l’ha aiutata ad accettare la sua malattia, la sua povertà, e a confidare in Gesù, a prescindere da quello che ha vissuto. Dio l’ha creata così, e la ama ugualmente, con la sua malattia. E, nonostante la sua bipolarità, ha un’incredibile ricchezza interiore. E ha anche molto talento, soprattutto per la scrittura e, in particolare, per la poesia.


LEGGI ANCHE: Quando non capisci l’utilità della sofferenza, questo ti sosterrà


La malattia le ha dato un grande desiderio di incontrare altre persone. Per quanto riguarda la guarigione, adesso la vede in un’altra maniera. Non si tratta più di voler eliminare la malattia, ma di accettarla nella consapevolezza che solo Dio guarisce.

ACQUISTA QUI IL LIBRO

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
depressionepsichiatriapsicologiaspiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni