Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Ordine di Malta, il 29 aprile l’elezione del nuovo gran maestro

Condividi

La scelta durante il Consiglio Compito di Stato, l'organo costituzionale incaricato di eleggere la guida dei Cavalieri

Si terrà il prossimo 29 aprile il Consiglio Compito di Stato, l’organo costituzionale incaricato di eleggere il gran maestro (o, come prevede la Costituzione, un luogotenente di gran maestro, in carica per un anno) del Sovrano Ordine di Malta. Lo ha stabilito il governo dell’Ordine di Malta – il sovrano consiglio – che si è riunito a Roma il 14 febbraio 2017, a seguito delle dimissioni del 79/mo gran maestro Fra’ Matthew Festing, avvenute lo scorso 28 gennaio.

Il Consiglio Compito di Stato – si legge in una nota – si riunirà nella «Sala del Capitolo», nella «Villa Magistrale» a Roma, sede extraterritoriale dell’Ordine di Malta. Per l’elezione del gran maestro è richiesto il voto della maggioranza più uno dei presenti aventi diritto, come previsto dall’art. 23 della Carta costituzionale. Tra coloro che hanno diritto al voto il luogotenente interinale, i membri del sovrano consiglio, il Prelato, i priori, i Balì Professi, due cavalieri professi delegati da ciascun priorato, cinque reggenti dei sottopriorati e quindici rappresentanti delle associazioni nazionali per un totale di circa 60 votanti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.