Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Spiritualità

Sposarsi senza confessarsi è peccato?

© DaviPeixoto

Julio de la Vega-Hazas - pubblicato il 14/02/17

Risposta alla domanda di un lettore, più complicata di quanto possa sembrare

La domanda è un po’ più complicata di quello che potrebbe sembrare a prima vista. Iniziamo citando il nº 1622 del Catechismo della Chiesa Cattolica (che a sua volta cita l’Esortazione Apostolica Familiaris Consortio di Giovanni Paolo II): “In quanto gesto sacramentale di santificazione, la celebrazione liturgica del Matrimonio. . . deve essere per sé valida, degna e fruttuosa” [Giovanni Paolo II, Esort. ap. Familiaris consortio, 67]. Conviene quindi che i futuri sposi si dispongano alla celebrazione del loro Matrimonio ricevendo il sacramento della Penitenza”. Sono parole molto misurate che ci serviranno da riferimento.

Stiamo parlando del matrimonio tra battezzati, che è matrimonio e al contempo un sacramento. Ci sono sacramenti – Battesimo, Penitenza e in alcuni casi Unzione dei Malati – che restituiscono (nel caso del Battesimo conferisce per la prima volta) la grazia che si perde per via del peccato grave.

Gli altri no, aumentano la grazia e conferiscono grazie particolari – quella definita “grazia sacramentale” -, ma bisogna riceverli stando già in stato di grazia, ovvero senza peccati gravi non confessati. È il caso del matrimonio.

Per questo, la vera questione non è se sia necessario confessarsi appena prima di sposarsi o nei giorni precedenti, ma se si deve ricevere in stato di grazia.


LEGGI ANCHE: Il binomio confessione e misericordia per farci sperimentare l’amore di Dio


Se è da molto tempo che non si ricorre al sacramento della Penitenza, è probabile che se ne abbia bisogno per arrivare all’altare in stato di grazia. In ogni caso, ce n’è bisogno se si ha la consapevolezza di un peccato grave non ancora perdonato nel sacramento corrispondente, che è appunto la Penitenza.

Il testo menzionato in precedenza utilizza tre aggettivi: valida, degna e fruttuosa. Se ci si sposa senza stare in stato di grazia, non per questo il matrimonio non è valido – sempre che si rispettino i requisiti richiesti –, ma non è degno, e soprattutto non è fruttuoso.

Non si riceve alcuna grazia, e come segnala anche il Catechismo senza questo aiuto l’uomo e la donna non possono arrivare a realizzare l’unione delle proprie vita nell’ordine a cui Dio li ha creati “da principio” (nº 1608).

Ma il fatto che sia infruttuoso non significa che sia un peccato. O sì? La risposta classica a questa domanda è che qualsiasi sacramento che si riceva consapevolmente in modo indegno rappresenterebbe un sacrilegio, e questo si applicherebbe anche al matrimonio, che è un sacramento. È così per regola generale, ma nel caso di un matrimonio che si riceve senza essere in stato di grazia ci sono alcuni dubbi.

Il motivo è la peculiarità del matrimonio. È un sacramento, sì, ma allo stesso tempo è un’alleanza che è nella natura umana e rispetto alla quale c’è un vero diritto naturale, il che non accade con nessun altro sacramento. Per questo si può considerare che non ci sia sacrilegio – e quindi nemmeno peccato – quando si contrae un matrimonio legittimo anche se il contraente non è in stato di grazia. Per questo motivo, il punto del Catechismo citato parla della confessione previa in termini di convenienza, non di assoluta necessità.


LEGGI ANCHE:10 cose da non fare per evitare che la Confessione non sia efficace


Ad ogni modo, senza smentire quanto detto, bisognerebbe aggiungere due cose.

La prima è che contrarre matrimonio senza essere in stato di grazia, pur non essendo un sacrilegio, è una cosa da deplorare. Non ci sarà un peccato nuovo, ma se non si è in stato di grazia è perché persistono quelli precedenti, ovvero si è in peccato finché non si ricorre al sacramento della Penitenza.

Come si è già segnalato, inoltre, quanto alla grazia questo sacramento è infruttuoso, sterile (si riceve la grazia propria del matrimonio quando ci si confessa in seguito).

La seconda è che non sarà sacrilego ricevere il matrimonio senza essere in stato di grazia, ma in ogni caso lo è ricevere l’Eucaristia. In questa situazione i contraenti non si possono comunicare, e visto che non sta bene che si celebri il matrimonio all’interno della Messa, bisognerà far sì che non ci sia Messa. I parroci già sanno quello che bisogna fare, e celebrano il matrimonio con una liturgia della Parola senza Messa né Comunione.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
confessionediritto canonicomatrimonio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni