Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 21 Febbraio |
Aleteia logo
vaticano notizie
separateurCreated with Sketch.

Parolin: “Il malato non è un protocollo, un farmaco, un oggetto”

Vatican Insider - pubblicato il 13/02/17

Ai malati che quotidianamente devono confrontarsi «con il senso d’inutilità, di disperazione, di rabbia» è giunto l’incoraggiamento del cardinale Pietro Parolin. Il segretario di Stato vaticano ha concluso le celebrazioni a Lourdes per la 25esima Giornata mondiale del malato con un’adorazione eucaristica, la sera di sabato 11 febbraio, nel Santuario mariano. 

Nella sua meditazione, riflettendo sul Vangelo di Luca che narra dell’incontro tra Gesù e la peccatrice che gli lava i piedi nella casa di Simone il fariseo, il delegato pontificio ha insistito sulla necessità di «toccare» e «lasciarsi toccare» dal corpo di Gesù, soprattutto da parte di chi «ha irrimediabilmente perso ciò che lo faceva sentire vivo».

«Toccare ed essere toccato dal Signore significa rinascere con un corpo diverso, che non è più costretto a essere assimilato al suo passato, o al suo peccato, a un numero, a un farmaco, a un protocollo di cura, a un oggetto, a un “rifiuto”», ha sottolineato Parolin. «Gesù – ha aggiunto – vuole essere accolto e toccato come colui che non disprezza la fragilità», perché per lui questa non è «un motivo o una causa per “sporcare” la vita degli altri». Al contrario. 

Il segretario di Stato ha parlato anche di «conversione»: ma non quella che nasce «dal puro senso del dovere o dalla paura», bensì quella che «rende nuovo e vivente il corpo fragile», trasformando «la sofferenza, la malattia e la morte» in libertà e fede.  

A conclusione della visita nella città francese, il delegato papale si è recato a Bayonne per incontrare il cardinale 94enne Roger Etchegaray, vicedecano del Collegio cardinalizio, presso una Casa di riposo per sacerdoti anziani a Cambo-les-Bains dove si è ritirato da alcuni mesi. Parolin ha portato al cardinale il saluto di Papa Francesco; subito dopo ha presieduto la messa nella cappella della struttura insieme al vescovo di Bayonne, monsignor Marc Aillet, e a tutti i sacerdoti presenti. 

Top 10
See More