Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni da Capestrano
Aleteia logo
home iconStorie
line break icon

Un matrimonio più forte che mai dopo aver sfiorato la morte

Supplied Photo

Aleteia - pubblicato il 13/02/17

Una gravidanza ectopica quasi fatale ha avvicinato Eunice e Julian

Julian e Eunice Tan, una coppia di Singapore sposata da 13 anni, hanno raccontato l’esperienza che li ha portati quasi alla morte e hanno riflettuto su come li abbia fatti apprezzare ancor di più l’esistenza l’uno dell’altra.

Eunice:

La nostra vita è stata messa sottosopra venerdì 13 maggio 2011.

La notte precedente avevo dormito a malapena per dei fortissimi dolori addominali, e pensavo di essermi presa una bella intossicazione alimentare. In seguito mi è stato detto che Julian e Joshua, il nostro primo figlio, mi hanno trovata sul pavimento tra il letto e il bagno.

I medici hanno scoperto che ero incinta e sospettavano una gravidanza ectopica, perché non sono riusciti a trovare niente nel mio grembo. Ho dovuto essere operata immediatamente perché avevo una forte emorragia interna.

Si è scoperto che soffrivo di un raro caso di gravidanza ectopica ovarica, in cui lo zigote era impiantato nel mio ovaio destro anziché nella tuba di Falloppio. Il chirurgo ci ha detto in seguito che è rimasto “scioccato vedendo l’ovaio destro schizzare sangue”.

Julian:

Sono rimasto scioccato perché Eunice perdeva conoscenza ogni volta che cercavo di sollevarla. Gli occhi le andavano all’indietro, aveva il viso bianco come un foglio e le labbra quasi nere.

All’ospedale il medico mi ha chiesto se ero pronto a non avere più figli. Per me tutto quello che contava era salvare la vita di Eunice.


LEGGI ANCHE:Ecco come ho salvato il mio matrimonio


Durante l’intervento, ho pregato con fervore perché Gesù guidasse le mani dei chirurghi e salvasse Eunice.

Ho pensato anche al nostro matrimonio. Ero grato che avessimo partecipato a un Weekend di Incontro Matrimoniale. Dopo quel weekend avevamo trascorso del tempo di qualità insieme e comunicavamo in modo più profondo.

Sarei stato devastato se non si fosse ripresa proprio mentre stavamo riaccendendo la fiamma nel nostro rapporto. C’era stato detto che se fossimo arrivati un po’ più tardi in ospedale sarebbe sicuramente morta.

Eunice:

Quando mi sono svegliata dopo l’intervento di due ore è stato come se fossi risorta dai morti. Sapevo che mi veniva data una seconda opportunità.

L’anno precedente era stato duro per me e per Julian. Ci stavamo allontanando perché eravamo impegnati a costruire la nostra carriera e a prenderci cura dei nostri bambini, che all’epoca avevano 4 e 2 anni.

Dormivamo a malapena nello stesso letto e avevamo pochissimo tempo per noi.

L’esperienza di quasi morte è stata una chiamata a svegliarci, a cogliere l’attimo e a vivere i nostri voti matrimoniali con più convinzione.

Il nostro rapporto era sempre stato stabile, anche se piuttosto tiepido. Discutevamo poco, ma non condividevamo nemmeno i nostri pensieri e sentimenti più profondi.

Ho considerato quella “quasi morte” il modo di Dio per dirmi che dovevo cambiare o avrei rischiato di perdere tutte le persone che amavo.

Julian:

Dopo quello che è accaduto mi sono detto che dovevo curare Eunice più di quanto avessi mai fatto fino a quel momento. Attraverso quell’incidente ho sperimentato davvero l’amore di Dio. Ci ha sostenuto nei momenti più difficili e, cosa più importante, ha dato un nuovo impulso al nostro matrimonio.


LEGGI ANCHE:Ritrovarsi una coppia nuova dopo la tempesta


Abbiamo iniziato a condividere i nostri sentimenti in modo più aperto. Lo strumento del dialogo, che avevamo imparato all’Incontro Matrimoniale, è stato di grande aiuto.

In genere nascondevamo le cose sotto il tappeto ed evitavamo il confronto. Ora, invece, ci prendiamo del tempo per discutere delle cose senza essere interrotti. Di recente, ad esempio, siamo riusciti a risolvere alcuni disaccordi riguardo alla nostra famiglia estesa.

Ora troviamo del tempo l’uno per l’altra, ad esempio stabilendo degli appuntamenti serali. Siamo anche riusciti a fare un piccolo viaggio per il nostro decimo anniversario di matrimonio, nel novembre 2013. Ci siamo inoltre uniti al ministero dell’Incontro Matrimoniale per servire come coppia. Il nostro rapporto non è mai stato così forte.

Eunice:

La decisione di vivere in modo più appassionato e significativo ha aiutato in molti modi a migliorare il nostro matrimonio. Ho imparato a mettere Julian prima dei figli e a curare di più le mie interazioni con lui. Ad esempio, gli darò più spazio perché possa condividere ciò che pensa e prova senza interrompere. A volte quando piove vado a prenderlo a lavoro.

Anche quando abbiamo assunto maggiori responsabilità in campo professionale – Julian viaggia quasi ogni settimana mentre io lavoravo circa 16 ore al giorno – ci sentiamo realizzati e collegati l’uno all’altra. A volte conduciamo il nostro dialogo regolare attraverso l’e-mail e Skype.

Julian:

Anche se le possibilità di concepimento di Eunice erano ridotte dopo la rimozione di un ovaio, siamo stati benedetti con altri due splendidi maschietti.

Ora abbiamo una famiglia molto vivace, con Joshua, di 9 anni, Emily, 7, Gabriel, 4, e Dominic, che ne ha compiuto uno a dicembre.

È una sfida trovare del tempo per la coppia quando si ha una famiglia numerosa e una professione impegnativa. Spesso dopo una lunga giornata vorremmo solo andare a dormire, e a volte ricadiamo nelle vecchie abitudini e dimentichiamo di prendere la decisione di amare.

Fortunatamente, essere radicati nella comunità per l’Incontro Matrimoniale, composta da coppie che la pensano come noi, ci spinge sempre a pensare alle necessità reciproche.


LEGGI ANCHE:I sei “virus” che possono rovinare una coppia


La strada da percorrere è lunga, ma sappiamo di avere al nostro fianco Dio e l’altro con cui camminare.

Per ulteriori informazioni sull’Incontro Matrimoniale cliccare qui.

Circa le gravidanze ectopiche:

Si dice spesso che l’aborto dev’essere legale per difendere la vita della madre in situazioni mediche gravi. Sono varie le condizioni cliniche che possono mettere a repentaglio la vita materna, ma bisognerebbe avere chiare alcune cose.

L’insegnamento morale cattolico tiene conto del principio del doppio effetto. In medicina accade spesso che un intervento provochi due effetti: uno può essere positivo, l’altro negativo. Gli interventi che possono avere un doppio effetto possono essere moralmente accettabili a certe condizioni.

Nel caso di una gravidanza ectopica, sono a rischio due vite, quella della madre e quella del bambino. I medici possono agire lecitamente per salvare la vita della madre rimuovendo il bambino, pur sapendo che questo provocherà la morte del piccolo.

Non è la stessa cosa dell’aborto, perché quest’ultimo, come definito da Giovanni Paolo II, è “l’uccisione deliberata e diretta, comunque venga attuata, di un essere umano nella fase iniziale della sua esistenza, compresa tra il concepimento e la nascita”.

Quando la morte di un bambino viene accettata come un effetto secondario previsto ma non voluto di un intervento medico necessario, non c’è “uccisione deliberata e intenzionale” di quel bambino.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
amore di diocoppiamatrimoniotestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni