Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ripercorrere gli stessi passi della fuga in Egitto

Condividi

I legislatori del paese nordafricano stanno cercando di rilanciare questa meta di pellegrinaggio

Il Presidente della Camera dei rappresentanti egiziana, Ali Abdel Aal, ha recentemente espresso l’intenzione di lavorare per il rilancio del “Cammino della Sacra Famiglia”, un itinerario di pellegrinaggio nei luoghi che – secondo la tradizione – sono stati attraversati da San Giuseppe, dalla Beata Vergine e dal bambino Gesù per proteggersi dalla persecuzione del re Erode.

L’iniziativa, che per le autorità rappresenterebbe una modo per promuovere il turismo religioso nella regione, richiede un significativo investimento in infrastrutture, mezzi di trasporti e alloggi per poter accogliere i pellegrini durante l’intero itinerario.

Nei progetti precedenti si è identificato, come inizio del pellegrinaggio, la città di Al-Arish, nel nord del Sinai, e come destinazione finale il Monastero della Vergine Maria (Al-Muharraq) a El-Qusiya, a 60 chilometri da Assiut. Lì, secondo la tradizione, la Sacra Famiglia visse per sei mesi, in una grotta; il monastero è inoltre un luogo di pellegrinaggio fin dal XIII secolo.

L’agenzia di stampa Fides ha riferito che, nel corso degli ultimi mesi del 2016, è stato costituito un comitato per rilanciare la proposta del Ministero egiziano per il turismo. Il gruppo è guidato da Hisham el Demeiri, già capo della Authority egiziana per la promozione del turismo, l’ente che ha curato il restauro della chiesa della grotta Abu Sarga, risalente al V secolo, costruita, secondo la tradizione locale, nel luogo dove la Sacra Famiglia si riposò prima di iniziare il viaggio di ritorno in Palestina.

In una conferenza organizzata dalla American Coptic Association nel settembre del 2016, almeno 24 parlamentari egiziani hanno assicurato il proprio impegno per favorire l’implementazione del “Progetto Sacra Famiglia”.

Secondo i sostenitori dell’iniziativa, la valorizzazione turistica del “Cammino della Sacra Famiglia” potrebbe aumentare la quota annuale di turisti in Egitto di almeno un milione di unità, con pellegrinaggi concentrati soprattutto nel tempo di Natale.

Articolo di Gaudium Press pubblicato con informazioni fornite da Fides.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni