Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

Come dopo aver pregato per un miracolo per una persona cara con una dipendenza ho imparato a lasciar fare a Dio

Kmeron CC

Judy Landrieu Klein - pubblicato il 10/02/17

Ho trovato la pace quando ho affidato tutto e tutti alla volontà del Signore

Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, la mia intelligenza
e tutta la mia volontà, tutto ciò che ho e possiedo; tu me lo hai dato, a te, Signore, lo ridono; tutto è tuo, di tutto disponi secondo la tua volontà: dammi solo il tuo amore e la tua grazia; e questo mi basta.
Sant’Ignazio di Loyola, Suscipe

Se mi aveste chiesto sei mesi fa se credevo nei miracoli avrei risposto con un sonoro “Sì!”, soprattutto visto che in quel periodo stavo pregando ardentemente per un miracolo – la guarigione di una persona che amo che soffre della temuta malattia della dipendenza.

Avevo pregato per lo stesso “miracolo” innumerevoli volte in precedenza – supplicando Dio per un risultato che volevo disperatamente e di cui pensavo di aver bisogno perché tutti stessero bene. Man mano che i mesi passavano e non sembrava che le mie preghiere venissero ascoltate, mi sono sentita sempre più desolata, trovandomi immersa nella trita e ritrita ginnastica mentale che mi faceva rimuginare costantemente e rimpiangere gli “e se…” e “avrei dovuto, avrei potuto…”.

E poi è arrivato il giorno in cui le cose sono cambiate, quello in cui sono entrata nell’ufficio del mio direttore spirituale e ho iniziato a piangere ancor prima di sedermi. Fuori di me, mi sono sentita intrappolata in un senso di disperazione dal quale non riuscivo a liberarmi.


LEGGI ANCHE:9 versetti biblici per aiutarti a discernere la volontà di Dio per l’anno nuovo


“Forse”, ha suggerito gentilmente padre Robert, “stai raggiungendo il massimo dell’emotività. Forse questa dipendenza diventerà la nuova normalità della tua vita, e forse è un invito di Dio a imparare come vivere in pace, qualunque siano le circostanze”.

Come al solito, padre Robert è andato al punto della questione in modo piuttosto preciso.

In seguito quel giorno mi sono sentita spinta a lavorare al prossimo passo del mio Programma di Recupero in Dodici Passi, il Passo 3: “Ho deciso di affidare la mia volontà e la mia vita a Dio per come lo comprendevo”. Il Passo 3 era accompagnato da una domanda che mi ha colpito come un fulmine di grazia: “Voglio smettere di chiedere a Dio che la persona affetta da dipendenza cambi?”

Volevo desistere dalle mie preghiere costanti perché Dio guarisse quella persona cara, la prima preghiera che mi veniva in mente ogni volta che venivo presa da un’ondata di ansia sul suo benessere? Ero disposta ad accettare che la volontà di Dio e la mia potessero non coincidere esattamente, visto che solo Dio poteva cogliere il panorama generale delle nostre storie di vita? E poteva essere che affidare la persona cara nelle mani di Dio – pregando con fervore solo “Sia fatta la tua volontà” per lui e per la sua vita – fosse l’unico “miracolo” di cui avevo bisogno?

Mentre pensavo e pregavo su queste domande, ho iniziato a sperimentare la differenza tra magia e miracolo, tra caparbietà e disponibilità, tra un atteggiamento interiore basato sul “Sia fatta la mia volontà” e una posizione fiduciosa nel fatto di decidere di affidare tutto e tutti alla volontà di Dio. Anche se avevo imparato questa lezione in precedenza avevo fatto un passo indietro, e Dio mi stava invitando ancora una volta a lasciar andare il modo in cui penso che dovrebbero essere le cose per passare dall’atteggiamento di richiedere una magia a quello di ricevere un miracolo.


LEGGI ANCHE:La difficile arte di imparare ad abbandonarsi nelle mani di Dio


“Il miracolo implica l’apertura al mistero, l’accoglienza della sorpresa, l’accettazione di quelle realtà sulle quali non abbiamo alcun controllo. La magia è il tentativo di controllare tutto, di gestire qualsiasi cosa – è la rivendicazione del fatto di essere una sorta di ‘dio’, o di avere un rapporto speciale con lui” (Ernest Kurtz e Katherine Ketcham, The Spirituality of Imperfection, p. 118).

Anche se avevo scherzato molte volte sul fatto che “c’è un Dio e non sono io”, avevo giocato ancora una volta a diventare Dio. Stavo pregando per un miracolo, ma in realtà cercavo di ottenere una magia.

Il giorno dopo l’incontro con il mio direttore spirituale, in un momento di grazia piena di abbandono, ho deciso di affidare la mia volontà e la mia vita a Dio per come lo comprendevo, credendo che potesse ripristinare la mia sanità mentale.

Alla fine il miracolo è arrivato. La sua volontà. Le sue vie. Pace.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
alcolismodipendenzemiracolipreghieraprovvidenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
ANGELICA ABATE
Annalisa Teggi
Quando il miracolo non è la guarigione ma una voce innamorata del...
7
Silvia Lucchetti
Don Fabio Rosini: per essere santo non devi cambiare, ma lasciare...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni