Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconvaticano notizie
line break icon

Il Papa ai vescovi del Sud: “Quando non si guadagna il pane si perde la dignità”

Vatican Insider - pubblicato il 08/02/17

«Una società che non offre alle nuove generazioni sufficienti opportunità di lavoro dignitoso non può dirsi giusta, quando non si guadagna il pane si perde la dignità». Così Papa Francesco in un messaggio ai vescovi di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, riuniti oggi a Napoli per il convegno “Chiesa e lavoro. Quale futuro per i giovani del Sud?”. L’incontro rappresenta una tappa verso la prossima Settimana sociale dei cattolici italiani in programma a Cagliari, dal 26 al 29 ottobre 2017, dedicata proprio al tema del lavoro.  

«Al centro della questione lavorativa va sempre posta la persona con la sua dignità», raccomanda il Pontefice ai presuli e ai partecipanti nel testo firmato dal Segretario di Stato Parolin, e li esorta a trovare soluzioni concrete per contrastare quella che, a tutti gli effetti, è una «piaga» purulenta del nostro tempo: «la disoccupazione». «Questo è un dramma del nostro tempo – afferma Bergoglio – specialmente per i giovani, i quali, senza lavoro, non hanno prospettive e possono diventare facile preda delle organizzazioni malavitose».  

Speranza del Papa è «che le comunità ecclesiali, a fianco delle istituzioni, si adoperino con dedizione per ricercare soluzioni adeguate alla piaga sempre più estesa della disoccupazione giovanile e del lavoro nero e al dramma di tanti lavoratori sfruttati per avidità, a causa di una mentalità che guarda al denaro, ai benefici e ai profitti economici a scapito dell’uomo»

Parole, queste del Vescovo di Roma, che risultano ancora più significative all’indomani della morte del giovane precario di 30 anni a Trieste, che – «stufo di fare sforzi senza ottenere risultati, stufo di critiche, stufo di colloqui di lavoro inutili, stufo di sprecare sentimenti e desideri», come scriveva nella sua ultima lettera – si è tolto la vita per vendicarsi, a nome della sua generazione, di un furto: «il furto della felicità». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni