Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconNews
line break icon

Sapevate che tra le mummie più antiche del mondo ci sono embrioni e feti?

Emma Rada-cc

Centro de Estudios Católicos - pubblicato il 07/02/17

I Chinchorro consideravano i bambini ancora non nati membri della comunità

Vicino alla città di Arica, nel nord del Cile, presso il Museo Archeologico San Miguel de Azapa, sono conservate delle mummie della cultura Chinchorro, appartenenti a un popolo nomade che abitò la zona costiera meridionale del Perù e il nord del Cile, tra i territori di Tacna, Arica e Tarapacá.

Queste mummie sono di 2.000 anni più antiche di quelle egiziane, hanno circa 9.000 anni. Il popolo Chinchorro viveva di pesca, caccia e raccolta di frutti.

A differenza di quella egiziana, la cultura Chinchorro realizzava un elaborato rito funebre non solo ai membri delle classi più elevate della società, ma a qualsiasi tipo di persona. Ci sono mummie di uomini, donne e bambini.

Si pensava che i corpi, dopo la mummificazione, continuassero a partecipare alla comunità come autentici monumenti ancestrali, segnando territorio e identità culturale. È frequente trovare gruppi di mummie che riflettono un’unità familiare.

È particolarmente interessante osservare il trattamento in bambini le cui fragili ossa venivano irrobustite con dei rami. Il lavoro alla testa implicava tagli del cranio realizzati con utensili rustici, pulizia degli organi ed elaborazione di maschere di fango.


LEGGI ANCHE: Ha iniziato seppellendo feti abortiti. Oggi è padre di più di 100 bambini


La cosa più impressionante è ad ogni modo la mummificazione riservata ad esseri ancora non nati, a feti che sembrano piccole statuine.

L’aspetto che commuove maggiormente è il delicato trattamento di minuscoli embrioni umani che non avevano ancora le estremità formate. Per i Chinchorroi non nati erano membri della comunità, cosa che riflette una cultura rispettosa del valore della vita umana fin dal ventre materno.

I Chinchorro possedevano vari tipi di mummificazione. Alcuni si basavano sull’essiccazione naturale per via delle condizioni climatiche del deserto, mentre altri implicavano grande sofisticazione, con incisioni, cavità da riempire, pittura con ossido, bendaggi…

Ciò indica il grande lavoro che i Chinchorro dovevano svolgere per mummificare i propri defunti e il valore che si dava ai membri scomparsi della comunità.

I corpi dei Chinchorro sono come effigi. Sprovvisti di qualsiasi organo che potesse decomporsi, hanno conservato ossa, pelle e capelli, in un tentativo di mantenere l’essenza dell’individuo nella collettività.

Ma se il processo di mummificazione era così complesso, perché si includevano i feti? Che significato aveva la vita per la cultura Chinchorro? Riconoscevano un essere umano in un bambino non nato?

Forse col passare del tempo abbiamo dimenticato il valore della vita e il rispetto profondo che dobbiamo avere per quegli esseri umani che iniziano il proprio sviluppo al momento stesso del loro concepimento. Vale la pena di imparare queste lezioni di umanità che ci offrono coloro che ci hanno preceduti.


LEGGI ANCHE:Si batte contro l’aborto e passa il Natale in carcere


Per questo, il video che segue non è una serie di persone defunte, ma la valorizzazione di un’antichissima forma di vita e di visione della morte.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=5X04muk4naQ&w=560&h=315]

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
archeologiaciledignità della personaembrionivalore della persona
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni