Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Giorgia Mollo: una giovane promessa che a 18 anni ha iniziato a collaborare con Phil Spalding

Condividi

Giorgia: La musica serve per abbattere i muri

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

I realised I only have one life
So I am living for today,
Come what may

Giorgia Mollo (Eleonora Giorgia Mollo) è una cantautrice italiana nata a Rossano Calabro il 20 dicembre 1992 che attualmente vive a Manchester, UK.

Inizia a studiare canto all’età di sei anni all’accademia del suo paese, Fagnano Castello, ma dall’età di tredici anni inizia a viaggiare e studiare in diverse accademie italiane.

All’età di 18 anni, di ritorno da un viaggio in Inghilterra, conosce a Roma Phil Spalding, noto musicista di sessione nel panorama inglese ed internazionale per aver collaborato con Elton John, Robbie Williams, Mick Jaggaer, Seal, Kyle Minogue, Mike Oldfield e molti altri.

Dopo aver ascoltato i suoi brani, Phil le propone di lavorare ad un primo progetto di collaborazione e scrittura musicale dando il via ad un’amicizia ed un progetto che continuano ancora oggi.

Ma sentite che cosa racconta a Cecilia.

Come hai imparato così bene l’inglese?

Volevo fortemente imparare l’inglese; mia mamma è insegnante di lingue e fu lei stessa a dirmi, Giorgia se davvero vuoi imparare l’inglese vai a lavorare in un ristorante in Inghilterra.

Ho un ricordo bellissimo delle mie estati a lavorare dispersa nella campagna inglese. L’ho sempre adorata, il paesaggio, i colori, la luce e finalmente ero lì.

Come sono trascorsi i tuoi anni di studio in UK?

Negli anni degli studi in UK, sentivo che la mia parte artistica si era assopita, perchè erano troppe le informazioni tecniche e di management che imparavo ogni giorno; così ho deciso di prendermi una pausa e sono andata a vivere per un pò a Brighton dove è accaduto qualcosa che mi ha fatto capire veramente il significato del mio fare musica.

Cosa è accaduto?

Stavo rientrando a casa dopo un provino; era una sera di pioggia e vento e la mia auto ha sbandato fermandosi ad un centimetro dal ciglio della strada dove c’era un dirupo. Potevo rotolare giù.

Sento di essere stata salvata da Dio e la consapevolezza che ho maturato dopo quell’episodio è che con la musica io ho una missione.

Che missione?

Innanzitutto ho scoperto di avere una grande energia positiva che non sapevo di avere; attraverso la musica voglio dire a più persone possibili ciò che ho dentro, voglio comunicare il mio entusiasmo e il mio amore per la vita.

Penso che la musica serva per abbattere i muri.

Ci sono delle persone vicine che ti aiutano in questo?

Tutta la mia famiglia mi è sempre stata vicina e tutt’ora lo è.

Mio papà è un grande esempio di generosità per me. Da lui ho imparato ad avere coraggio nelle scelte per il futuro, ho imparato ad amare gli altri, i diversi e gli emarginati e poi ho imparato che i sogni non hanno limiti se sono a fin di bene.

I tuoi prossimi progetti?

Quello più imminente è la realizzazione del video per la nuova canzone “I’ll Find my way” che parla della nostra terra, del fenomeno dell’immigrazione così sentito in Calabria; sto lavorando con un produttore e amico portoghese al nuovo EP e sto studiando per diventare una DJ. Voglio suonare a Dubai le canzoni del mio nuovo EP.

Continuate a seguire Cecilia su Facebook per scoprire nuovi artisti e nuova musica.

A cura di Laura Montorio

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.