Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

8 curiosità sull’altare della Basilica di San Pietro

Condividi

Api, soli, il rosario, una donna incinta...

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

1. Non solo il Bernini

Gianlorenzo Bernini aveva solo 25 anni quando papa Urbano VIII gli commissionò la realizzazione dell’altare della Basilica di San Pietro. Era uno scultore straordinario, ma come architetto non era eccellente; intelligentemente, preferì includere l’acerrimo rivale Borromini nel suo gruppo di lavoro. Anche suo padre Pietro, scultore molto noto a Roma, e suo fratello Luigi hanno lavorato al progetto.

2. Il bronzo del Pantheon

Per realizzare il baldacchino usarono del bronzo proveniente da Venezia e in più estrassero, fusero e riciclarono bronzi del Pantheon di Agrippa.

A Roma era una pratica comune usare materiali “presi in prestito” (come il marmo, metalli, pietre preziose, ecc) da altre opere d’arte. Ma questo non dev’essere andato a genio a qualche romano, al punto che fu coniato il detto “Quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini”. Una espressione latina che, tradotta letteralmente, significa: “Quello che non hanno fatto i barbari, lo hanno fatto

i Barberini”. Scoperto, l’autore di questa Pasquinata si pentì di quanto detto e chiese perdono, sul letto di morte, al papa e alla famiglia Barberini.

3. Un baldacchino come un edificio

Anche chi è stato diverse volte davanti a questa straordinaria opera, non sarà mai consapevole della sua altezza. Pur essendo gigantesca, dentro la magnifica basilica si perde. Il baldacchino è alto 28 m, come un palazzo di 10 piani.

640px-basilica_di_san_pietro_rome_-_2648

4. Tante api e tanti soli

Chi viene ad ammirare questa opera, poi si chiede perché sia adornata da così tante api e soli. Non si trovano solo nel baldacchino, ma sono rappresentati anche in diversi punti, dentro e fuori la basilica, perché è il simbolo della famiglia Barberini, a cui apparteneva Papa Urbano VIII.

abeja-barberini


colonna_tortile_san_pietro_bernini5. Le foglie che adornano le colonne

In tutte le colonne, ad eccezioni di quelle che rappresentano l’Eucaristia, si possono vedere delle foglie di alloro; una probabile allegoria al noto talento poetico di Urbano VIII in lingua latina, dato momento che con esso venivano incoronati i poeti classici.

6. La donna incinta

Sotto ogni colonna in stile salomonico dell’altare si trovano otto fregi di marmo con lo stemma delle api della famiglia Barberini e le chiavi e la mitra del papa. Se non si presta attenzione sembrerebbero uguali, ma non lo sono. Ognuno di essi è diverso e rappresenta (in senso orario a partire dal primo, vedi disegno) il ciclo di una donna incinta: dal momento del concepimento fino al parto e nell’ultimo fregio si vede il volto del bambino appena nato.

Ancora adesso questa rappresentazione è un mistero che ha dato adito a così tante storie e leggende. Alcuni dicono che rappresenti una nipote di Papa Urbano VIII che aveva avuto una gravidanza molto difficile; per celebrare la nascita, il Pontefice avrebbe fatto realizzare questi ornamenti. I maliziosi pensano che siano una serie di messaggi massonici che sembrano usciti da un romanzo di Don Brown. Ma la cosa più probabile è che, essendo il Bernini così devoto, abbia voluto in questo modo rappresentare la “Madre Chiesa”.


LEGGI ANCHE: 6 aspetti singolari sulla basilica di San Pietro


7. Il rosario e medaglie

Pochi conoscono questo dettaglio, e le sue piccole dimensioni lo possono far passare inosservato agli occhi del visitatore. In una colonna è fusa la rappresentazione di un rosario. A un’estremità c’è un crocifisso e all’altra ci sono tre medaglie, che potrebbero rappresentare san Pietro, san Paolo e la porta del Giubileo del 1625. Si dice che in questo modo il Bernini abbia voluto dedicare, al termine dell’opera, il suo lavoro alla Madonna.

rosario

Dall’altra parte della stessa colonna dove c’è il rosario (quella di sud-ovest), è possibile notare un’altra medaglia, che sembrerebbe rappresentare papa Urbano VIII.

sw_n_3

8. Le lucertole

Un’altra rappresentazione molto curiosa è data da una serie di lucertole. C’è un profondo significato religioso: le lucertole sono in grado di cambiare pelle e far crescere una nuova coda, diventando un simbolo della Resurrezione.

La prima lucertola (colonna di nord-ovest) guarda verso il sole, simboleggiando la contemplazione del divino.

lucertola1

Una seconda lucertola, nella colonna nord-est, tiene in bocca uno scorpione, che nell’Apocalisse è la rappresentazione del male.

ne_w_3

Un’altra lucertola è nella colonna nord-ovest, vicino ad una delle medaglie.

nw_w_1

Continuando ad osservare si possono trovare dei bellissimi angeli, allori, insetti, e molti altri dettagli che il genio Gianlorenzo Bernini ha, per qualche motivo, voluto lasciare in memoria fino ad oggi.

Fonti: Roma LeggendariaUn paseo por la historia.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.