Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconNews
line break icon

L’umanità vince con “Hope”

Facebook/Anja Ringgren Loven

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 06/02/17

Simbolo della malnutrizione e dei pregiudizi dell'Africa il piccolo bimbo nigeriano "rinasce" grazie ad una volontaria danese

Due foto a confronto, prima e dopo la cura. Non solo il cibo, l’acqua, i medicinali, ma il prendersi cura. Il piccolo “Hope” (speranza in inglese) com’è oggi e com’era appena un anno fa, prima che la volontaria danese Anja Ringgren Loven e suo marito lo trovassero e lo adottassero.

“scheletrito, nudo, sporco, pieno di parassiti allora; con le guanciotte piene, vestito con camicetta a quadretti, pantaloncini rossi, scarpe da ginnastica, zainetto inspalle e l’aria serena oggi.

“È da una settimana che ha iniziato ad andare a scuola“, ha dichiarato la Loven, che insieme al marito, David Emmanuel Umem, gestisce un piccolo orfanotrofio nel sud-est della Nigeria, specializzato nell’accoglienza di bambini e ragazzi ostracizzati da villaggi e famiglie come conseguenza di superstizioni, chiamato African Children’s Aid Education and Development Foundation (Acaedf)” (Avvenire, 4 febbraio)

Hope era considerato un Ndoki  (un bimbo-stregone, NdA), probabilmente perché soffre di ipospadia, una malformazione congenita dell’uretra e del pene, spesso la malformazione viene visto come cattivo presagio in alcune culture tradizionali. Per questo il piccolo aveva girovagato da solo, disperato, per almeno otto mesi nutrendosi di quello che trovava per strada fino all’incontro con la volontaria e suo marito.

Tags:
nigeriastregoneria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni