Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconvaticano notizie
line break icon

Appiccate le fiamme a una chiesa nel Nuorese

Vatican Insider - pubblicato il 04/02/17

Dalla porta della chiesa di San Demetrio esce ancora il fumo. E sul sagrato s’infiamma anche l’indignazione dei fedeli: qualcuno piange, qualcuno prega in silenzio e qualcun altro grida ad alta voce tutta la sua rabbia. L’attentatore non ha lasciato né tracce né rivendicazione, i carabinieri lo cercano e partono da alcuni sospetti. Di certo c’è che questo attentato non ha niente a che fare con la propaganda jihadista che terrorizza l’Europa e che il danno maggiore lo hanno subito le opere d’arte che erano custodite all’interno.  

Nella periferia di Sindia, un piccolo paese della provincia di Nuoro, c’è una chiesa in cui si celebra la messa solo poche volte l’anno. Giusto per la festa e in altre rare occasioni. Ma gli abitanti del Marghine sono molto affezionati a questa piccola basilica costruita nel 1600. Per gli storici e i critici d’arte è un piccolo gioiello, anche perché all’interno si ritrovano le tracce di diversi stili architettonici: elementi romanici, borgognoni, tardo gotici, e persino rinascimentali. La statua di San Demetrio era considerato il tesoro più prezioso: la statua più bella custodita nelle chiese della Sardegna, secondo gli esperti.  

Il fuoco appiccato questa mattina, forse alle prime luci dell’alba, ha rovinato tutto: devastato la grande pala d’altare lignea e cancellato il grande retablo con le raffigurazioni di alcuni santi. La zona dell’altare è stata completamente avvolta dalle fiamme e proprio gli arredi sacri sono stati utilizzati dall’attentatore per alimentare il grande rogo. «Questa comunità, da generazioni, è cresciuta nel culto di San Demetrio e per questo tutti siamo particolarmente legati alla chiesa – commenta don Salvatore Micai – È un dolore atroce vederla ridotta così. Su chi possa essere l’autore non sappiamo molto, ci sono delle voci, ma prima di accusare qualcuno c’è bisogno di prove precise». 

Al parroco, giusto qualche settimana fa, qualcuno aveva portato via l’auto, per poi farla ritrovare completamente incenerita. E ora, infatti, i carabinieri della compagnia di Macomer (guidati dal capitano Giuseppe Pischedda) cercano di capire se tra gli episodi possa esistere davvero un collegamento.  

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni