Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Novembre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconChiesa
line break icon

Sono opportuni gli applausi a Messa?

Shutterstock / hxdbzxy

Julio de la Vega-Hazas - pubblicato il 01/02/17

Un dibattito antico ma attuale

Ciò che è certo è che l’esistenza degli applausi all’interno della Messa non è un tema nuovo. Ha una lunga storia, a volte pacifica, altre volte controversa. Nell’antichità si verificavano, soprattutto durante l’omelia. Si conservano omelie di Sant’Agostino in cui si segnala quando i presenti applaudivano, il che accadeva spesso, varie volte nello stesso discorso. E non era un caso unico.

Ad ogni modo, i momenti in cui poteva accadere una cosa simile erano limitati. Di fatto erano tre: l’ingresso, l’omelia e l’uscita. Per il resto, la solennità della liturgia era ritenuta estranea a un comportamento che, pur essendo buono in sé, si intendeva come più consono alla strada o al teatro che al tempio.


LEGGI ANCHE:5 errori che, senza saperlo, potreste commettere a Messa


Attualmente, dopo una parentesi di secoli, si è tornati a recuperare l’applauso in questi tre momenti, almeno in circostanze speciali, come le celebrazioni pontificie con un forte afflusso di fedeli. Chiunque può ricordare che succedeva soprattutto con Giovanni Paolo II, anche se la prassi si è mantenuta con i suoi successori. Non è una cosa prevista nei libri liturgici, ma non è malvista.

E nella musica? In questo caso bisogna fare una distinzione tra due cose. La prima è applaudire la musica. Durante la celebrazione è fuori luogo. Presupporrebbe il fatto di concentrarsi su un aspetto secondario, sviando l’attenzione da quello principale. Se si considera che l’esecuzione dei musicisti meriti una lode, la cosa da fare è congratularsi con loro al termine della cerimonia.

Un caso diverso è quando l’applauso fa parte del brano musicale stesso. Non è molto frequente, ma può accadere. Quando è così, bisognerebbe considerare l’applauso come un altro strumento, e la valutazione della sua convenienza o meno si trasferisce al brano nel suo insieme: si tratterebbe allora di vedere se quello che si suona o si canta si inserisce bene nella liturgia che vuole “adornare”.


LEGGI ANCHE: Quando Giovanni XXIII chiese di non battere le mani in chiesa


[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
liturgia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Pope Audience
Gelsomino Del Guercio
Corruzione in Vaticano, il Papa: "Non ho paur...
O Planeta que temos
Le 7 marche di cioccolato che sfruttano il la...
COQUI
Esteban Pittaro
L'ultima Messa di un sacerdote prima di esser...
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Toscana Oggi
Si può fare la Comunione senza essersi prima ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni