Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconStile di vita
line break icon

Quando so di essere pronto per sposarmi?

Nicoleta Ionescu

Aleteia - pubblicato il 01/02/17

Ogni fidanzamento è unico

Qual è la durata ideale di un fidanzamento? È molto relativo, e dipende da vari fattori che si riferiscono alla vita dei fidanzati. Un fidanzamento normalmente potrebbe durare tre o quattro anni, ma non è una regola. Dipende dalla situazione personale di ciascuno, dagli studi, dalla situazione finanziaria, dalla maturità della coppia, dall’intesa, dai dubbi che si possono nutrire…

Due fidanzati dovrebbero sposarsi dopo essere giunti alla conclusione di aver trovato entrambi la “persona adatta”, oltre ad avere i mezzi finanziari per creare una nuova famiglia. Non significa avere tutte le comodità, ma almeno un minimo che permetta loro di vivere in modo indipendente dalle rispettive famiglie.

Il momento giusto è quello in cui entrambi sono maturi e disposti ad assumere il matrimonio e una nuova famiglia. È importante porre un limite al fidanzamento. Ciascuno ha bisogno di tempo, ma è bene tener conto anche degli inconvenienti che derivano dal rimandare troppo il matrimonio: un fidanzamento eterno è una relazione che non giunge ad alcuna conclusione, e alla fine pregiudica la coppia.


LEGGI ANCHE:Fidanzamento: come fare la scelta giusta?


Una coppia è pronta a sposarsi quando entrambi lo desiderano e non hanno dubbi importanti sulla persona dell’altro, ma si conoscono abbastanza da accettarsi, con difetti e qualità; quando la vita dell’uno è aperta all’altro, senza segreti; quando si desidera vivere con l’altro, si è felici stando al suo fianco e si vogliono avere dei figli da lui.

Quanto tempo serve per capire se l’altro è la persona adatta da sposare? Dipenderà dal profilo di ognuno. È necessario che ciascuno prima di compiere il grande passo conosca bene l’altro, la sua famiglia, qualità e difetti. Il mistero che è ciascuno dev’essere rivelato nella misura in cui è umanamente possibile. La storia dell’altro dev’essere ben nota e accettata.

Sappiamo già che l’altro, in quanto tale, sarà sempre un mistero, ma almeno deve esistere una certezza su chi sia quella persona negli aspetti più importanti della sua vita: quali sono le sue convinzioni e i suoi valori, che rapporto ha con il denaro, com’è il suo carattere, cosa pensa dei bambini e della loro educazione..


LEGGI ANCHE:9 cose che avrei voluto sapere prima di sposarmi


Dev’esserci anche una base finanziaria sufficiente, senza dipendere dagli altri, soprattutto dai genitori. Questo grado di libertà è importante per la vita di coppia. Si può anche vivere con i genitori per un certo periodo di tempo, soprattutto se questi sono soli o malati, ma la convivenza con i genitori o con altre persone non deve ostacolare la vita di coppia.

Nessuno deve pronunciare un “Sì” forzato dalle circostanze, né per rispettare delle aspettative, soprattutto della famiglia. Non bisogna mai sposarsi perché uno dei due minaccia altrimenti di porre fine alla relazione. La chiave è vivere il fidanzamento, di reciproco accordo, come qualcosa che prima o poi deve terminare con una decisione. Finirà in matrimonio o no? È questa la domanda a cui gli sposi – e solo loro – devono rispondere.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
coppiafidanzamentomatrimoniorelazioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni