Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: le donne sono più coraggiose degli uomini

© Antoine Mekary / ALETEIA

Pope Francis - general audience - Paul VI Hall - Vatican, Wednesday, Jan. 13, 2016

Vatican Insider - pubblicato il 25/01/17

«Questa è una mia opinione: le donne sono più coraggiose degli uomini…»: Papa Francesco aggiunge a braccio questa battuta, accolta dagli applausi dei fedeli presenti in aula Paolo VI, mentre, proseguendo un ciclo di catechesi sulla speranza cristiana, racconta la vicenda di Giuditta, la «grande eroina del popolo» che nella Bibbia restituisce agli abitanti di una città della giudea assediata dal re Nabucodonosor la speranza nell’intervento salvifico di Dio, senza però porre «condizioni» al Signore: «Fidarsi di Dio vuol dire entrare nei suoi disegni senza nulla pretendere, anche accettando che la sua salvezza e il suo aiuto giungano a noi in modo diverso dalle nostre aspettative». All’udienza generale erano presenti, tra gli altri, Arnold Schwarzenegger, e la vedova e le figlie del giudice argentino Alberto Nisman.

« Tra le figure di donne che l’Antico Testamento ci presenta, risalta quella di una grande eroina del popolo: Giuditta», ha esordito Francesco. Nella città giudea Betulla, assediata dall’esercito di Nabucodonosor guidato dal generale Oloferne, «la situazione si fa drammatica, al punto che gli abitanti della città si rivolgono agli anziani chiedendo di arrendersi ai nemici. Sono arrivati a dire questo: Dio ci ha venduti. La disperazione era grande di quella gente», ha detto Jorge Mario Bergoglio, che ha proseguito: «E quante volte noi arriviamo a situazioni di limite, dove non sentiamo neppure la capacità di avere fiducia del Signore. La fine sembra ormai ineluttabile, la capacità di fidarsi di Dio si è esaurita, e, paradossalmente, sembra che, per sfuggire alla morte, non resti che consegnarsi nelle mani di chi uccide. Loro sanno che questi soldati entreranno a saccheggiare la città, prendere le donne come schiave e uccidere tutti gli altri: proprio questo il limite. Davanti a tanta disperazione, il capo del popolo tenta di proporre un appiglio di speranza: resistere ancora cinque giorni, aspettando l’intervento salvifico di Dio. Ma è una speranza debole, che gli fa concludere: “E se proprio passeranno questi giorni e non ci arriverà alcun aiuto, farò come avete detto voi”. Pover’uomo, era senza uscita…». È in tale situazione che compare sulla scena Giuditta. «Vedova, donna di grande bellezza e saggezza, ella parla al popolo con il linguaggio della fede, coraggiosa, rimprovera in faccia al popolo: “Voi volete mettere alla prova il Signore onnipotente. No, fratelli, non provocate l’ira del Signore, nostro Dio. Se non vorrà aiutarci in questi cinque giorni, egli ha pieno potere di difenderci nei giorni che vuole o anche di farci distruggere dai nostri nemici. Perciò attendiamo fiduciosi la salvezza che viene da lui, supplichiamolo che venga in nostro aiuto e ascolterà il nostro grido, se a lui piacerà”. È – ha chiosato il Papa – il linguaggio della speranza, bussiamo alla porta del cuore di Dio, lui può salvarci. E questa donna, vedova, rischia, rischia a fare anche la brutta figura davanti agli altri, ma è coraggiosa, va avanti: questa è una mia opinione», ha aggiunto il Papa tra gli applausi: «Le donne sono più coraggiose degli uomini. Con la forza di un profeta, Giuditta richiama gli uomini del suo popolo per riportarli alla fiducia in Dio; con lo sguardo di un profeta, ella vede al di là dello stretto orizzonte proposto dai capi e che la paura rende ancora più limitato. Dio agirà di certo – ella afferma –, mentre la proposta dei cinque giorni di attesa è un modo per tentarlo e per sottrarsi alla sua volontà. Il Signore è Dio di salvezza, qualunque forma essa prenda. È salvezza liberare dai nemici e far vivere, ma, nei suoi piani impenetrabili, può essere salvezza anche consegnare alla morte. Donna di fede, lei lo sa. Poi conosciamo la fine, come è finita la storia: Dio salva».

Il Papa ha concluso affermando: «Non mettiamo mai condizioni a Dio e lasciamo invece che la speranza vinca i nostri timori. Fidarsi di Dio vuol dire entrare nei suoi disegni senza nulla pretendere, anche accettando che la sua salvezza e il suo aiuto giungano a noi in modo diverso dalle nostre aspettative. Noi chiediamo al Signore vita, salute, affetti, felicità; ed è giusto farlo, ma nella consapevolezza che Dio sa trarre vita anche dalla morte, che si può sperimentare la pace anche nella malattia, e che ci può essere serenità anche nella solitudine e beatitudine anche nel pianto. Non siamo noi che possiamo insegnare a Dio quello che deve fare, ciò di cui noi abbiamo bisogno. Lui lo sa meglio di noi, e dobbiamo fidarci, perché le sue vie e i suoi pensieri sono diversi dai nostri». In questo senso, «il cammino che Giuditta ci indica è quello della fiducia, dell’attesa nella pace, della preghiera e dell’obbedienza. Senza facili rassegnazioni, facendo tutto quanto è nelle nostre possibilità, ma sempre rimanendo nel solco della volontà del Signore». E così «una donna piena di fede e di coraggio ridà forza al suo popolo in pericolo mortale e lo conduce sulle vie della speranza, indicandole anche a noi. E noi, se facciamo un po’ di memoria, quante volte abbiamo sentito parole sagge, consigli coraggiosi, da persone umili, da donne umili, che uno pensa che senza disprezzarle che fossero ignoranti, ma sono parole della saggezza di Dio, le parole delle nonne, quante volte le nonne sanno dire la parola giusta, la parola di speranza, perché hanno l’esperienza della vita, hanno sofferto tanto si sono fidate di Dio e il Signore dà loro questo dono di darci il consiglio di speranza».

A fine udienza il Papa ha ricordato che oggi si celebra la festa della conversione di San Paolo. In questa occasione alle 17,30 di oggi Francesco celebra i Vespri nella basilica di San Paolo fuori le Mura per la conclusione della Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani, con la presenza, tra l’altro, della Cappella musicale Pontificia «Sistina» con il Coro Anglicano di Westminster Abbey, che il Papa ha incontrato brevemente stamane prima di recarsi in «aula Paolo VI».

Tra le persone che hanno salutato il Papa a conclusione dell’udienza generale, Arnold Schwarzenegger, ex stella di Hollywood ed ex governatore della California. Inoltre, la moglie, Sandra Arroyo Salgano, e le due figlie Iara e Kala, del giudice argentino Alberto Nisman, responsabile dell’inchiesta sull’attentato del 1994 al centro ebraico della capitale argentina e sui suoi legami internazionali, trovato morto nella sua casa di Buenos Aires il 18 gennaio del 2015.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni