Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

5 film candidati agli Oscar 2017 che potrebbero interessare ai cattolici

Hacksaw

Catholic Link - pubblicato il 24/01/17

di Kieron Ainsworth

Eccoci di nuovo in quel periodo dell’anno in cui il brio degli Oscar riempie l’aria.

Da adesso fino a febbraio saremo bombardati di meravigliose opere d’arte (e del chiacchiericcio che portano con loro) che puntano al più grande traguardo che un film possa raggiungere, gli Oscar. Tenendo questo in mente, vi proponiamo 5 film (che potenzialmente potrebbero vincere un Oscar quest’anno) che hanno tutto il necessario per catturare l’interesse del pubblico cattolico.

Manchester By The Sea

Tra i favoriti all’Oscar, il terzo film girato da Kenneth Lonergran racconta, in modo meravigliosamente unico, l’impatto che la morte ha su una famiglia. Il personaggio principale Lee (Cassey Affleck) torna nel suo paese d’origine dopo aver saputo della tragica morte di suo fratello (interpretato da Kyle Chandler). Affidatagli la custodia del nipote Patrick (Lucas Hedges), Lee si trova a dover affrontare delle profonde ferite personali e familiari. Il dolore è il tema centrale di questo film. Preparatevi ad un viaggio emotivo in cui l’amore, la rabbia, la tenerezza e un sottile humour sono soltanto alcune delle tappe. La critica ritiene che le buone interpretazioni del cast proietta questo titolo dritto tra i favoriti all’Oscar.

La La Land

Un musical di cui si parla da tanto, frutto del genio creativo di Damien Chazelle. La La Land è un omaggio – romantico e impenitente – ai musical classici, ormai parte del passato. Il film racconta le difficoltà di due aspiranti artisti; la travagliata attrice Mia Dolan (interpretata dalla meravigliosa Emma Stone) e l’aspirante musicista jazz Sebastian Wilder (il cui ruolo è ricoperto da un superbo Ryan Gosling). Mia e Sebastian trovano nell’altro, reciprocamente, un amore che dà loro speranza, e li spinge a non abbandonare i propri sogni. Come in altri musical, aspettatevi dei balletti dal sapore esotico e delle melodie che vi porteranno allegria. D’altro canto, però, preparatevi anche alla drammaticità: una volta che i sogni professionali dei personaggi iniziano a decollare, la loro relazione diventa estremamente tesa. Ci si trova davanti alla vecchia domanda: cos’è più importante, l’amore o il successo? Conoscendo l’eccezionale creatività di Damien Chazelle, mi aspetto che La La Land mantenga le aspettative. Un film che irradia grazia e virtù, e che donerà momenti allegri che lo renderanno un titolo entusiasmante. Dovrebbe lasciarci la consapevolezza che abbiamo bisogno di amore per poter realizzare i nostri sogni e vivere la vera felicità.

La battaglia di Hacksaw Ridge

Mel Gibson torna sul grande schermo come regista di questo film bellico sulla… pace? Basato su una storia vera, il film ha come protagonista Desmond Doss, un eroe di guerra la cui incredibile storia è portata in vita dall’interpretazione di Andrew Garfield. Doss era un uomo profondamente religioso, nonché pacifista dichiarato. Ad Okinawa, in quanto medico dell’esercito statunitense, le sue convinzioni lo hanno portato a salvare 75 persone. Senza dover neanche imbracciare un’arma. Un film straziante, che mostra la terribile brutalità della Seconda Guerra Mondiale. L’interpretazione di Andrew Garfield è impeccabile nel ritrarre un uomo – complesso e risoluto – le cui convinzioni andavano ben al di là delle parole. È la storia di un emarginato che trova redenzione tra i suoi compagni. Non facciamo fatica a capire perché Mel Gibson abbia voluto raccontare la storia di Desmond Doss. Oserei addirittura definire Hacksaw Ridge la terza parte della trilogia spirituale – non ufficiale – del Gibson regista (dove la prima è “La passione” e la seconda è “Apocalypto” del 2006). Un film di guerra quasi perfetto che secondo me merita assolutamente una nomina all’Oscar.

Loving

Il tema centrale di questo film è che “l’amore conquista l’odio”. Anche questo è un film ispirato a una storia vera. L’adattamento di Jeff Nichols racconta la toccante storia di un’epoca non molto lontana in cui, in alcuni degli stati d’America, era illegale sposare una persona di una razza diversa. Mildred e Richard Loving, una coppia sposata che viveva nella Virginia del 1958, vengono arrestati per la loro illecita unione interrazziale. Dal trailer emerge un lavoro umile ma accurato del regista Nichols in cui, nonostante l’innegabile ingiustizia, i protagonisti resistono. Notevoli le interpretazioni di Joel Edgerton e Ruth Negga, delicate ma potenti. Loving non cerca forse la gloria cinematografica, ma parla dolcemente di temi sociali, ricordando agli spettatori ciò che è giusto e ciò che è sbagliato (e, soprattutto, che l’amore trionfa sempre).

Silence

Martin Scorsese è uno dei miei registi preferiti. La sua lunga carriera ha spesso goduto di lodi ed elogi, portando però anche delle polemiche. Credo che il suo ultimo film, Silence, non solo sia il progetto più difficile che Scorsese abbia portato alla luce, ma anche quello che porterà più discussioni e opinioni contrastanti su di lui come uomo. Il film – interpretato da Liam Neeson, Andrew Garfield e Adam Driver – racconta la storia di due sacerdoti gesuiti del 17esimo secolo, in viaggio verso un Giappone in cui il cristianesimo è stato dichiarato fuori legge. La loro missione è quella di trovare il loro mentore, che ha pubblicamente rinunciato alla fede. L’ingombrante attenzione della critica nei confronti di Silence è dovuta alla profondità con cui Scorsese ha fatto accedere se stesso, gli attori e il pubblico nelle battaglie e nella bellezza della fede. Non penso sia un film che faccia emergere in modo netto e semplice i propri sentimenti nei confronti del cristianesimo. Penso anzi che porterà lo spettatore a ragionarci su nei giorni (o forse nelle settimane) a seguire. Se così fosse, allora credo che Scorsese abbia raggiunto lo scopo della sua visione artistica. È il film su cui ho più aspettativa quest’anno, che mi riempie di curiosità ma anche di paura. Solo il tempo dirà se ho ragione e, a febbraio, se questo film dovesse essere considerato il capolavoro per eccellenza della già straordinaria carriera di Scorsese.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]
Tags:
filmpremio oscar
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni