Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 12 Maggio |
San Pancrazio
home iconStile di vita
line break icon

Mamma, come nascono i bambini?

Mario Emiliano Fernández / Flickr / CC

Mathilde De Robien - pubblicato il 23/01/17

Come rispondere alla domanda più difficile: niente discorsi scientifici, ma parole semplici e vere

“Mamma, come nascono i bambini?”

“Bella domanda, figlio mio. Vai a chiederlo a tuo padre”.

“Lo imparerai quando sarai più grande”.

Ignoriamo, schiviamo, rimandiamo… e tuttavia il momento migliore per offrire una risposta è quello in cui viene posta la domanda! Non c’è bisogno di lunghi discorsi scientifici, ma di parole semplici e vere, adatte all’età di vostro figlio.

Non troverete frasi fatte, visto che è necessario che le parole escano da voi, che abbiano la vostra naturalezza e si adattino alle orecchie dei vostri figli. Desidero solo rendervi consapevoli della necessità di rispondere a questa domanda e dell’importanza di prepararsi un minimo al riguardo. Voglio parlarvi della necessità di parlare d’amore e di sessualità ai vostri figli, e di dire loro che il loro corpo è un tesoro da rispettare, visto che in seguito donerà la vita.


LEGGI ANCHE:4 regole per educare i figli alla sessualità


Perché rispondere?

1. Perché naturalmente i bambini pongono domande per le quali attendono una risposta. Non c’è curiosità fuori luogo né alcuna perversità nelle loro domande. Si interrogano sulla “fabbrica” dei bambini nello stesso modo in cui sono curiosi di sapere il perché delle nuvole in cielo o come funziona una macchina.

Evitando la risposta riuscirete solo a rendere la sessualità un tema tabù in casa. Non preferireste essere voi i primi a dare ai vostri figli un’educazione sessuale?Non preferireste che i vostri figli, da adolescenti, ricorressero a voi per risolvere i dubbi che li inquietano anziché ai compagni di classe o a Internet?

Inès de Franclieu, madre di famiglia ed esperta di educazione affettiva e sessuale, scrive nel suo libro Amour et sexualité che “se vogliamo poter accompagnare i nostri adolescenti nei loro dubbi sull’amore, è nell’infanzia che bisogna avere il coraggio di parlare loro del corpo e della sessualità, con parole adeguate alla loro età”.

2. Perché rispondere ai figli significa proteggerli. Quando rispondiamo, mostriamo loro che abbiamo interesse a dir loro la verità, a saziarne la sete di sapere, e che li teniamo in considerazione. In questo modo, il figlio si sente amato, protetto e tranquillo. Rispondere è raccontare loro una storia d’amore, la vostra, e anche se questa storia non continua, è certo che in passato è esistita. Rispondere è dire loro da dove vengono, è dar loro un punto di riferimento.


LEGGI ANCHE:Come parlare di sesso a mio/a figlio/a adolescente?


3. Perché è importante affrontare il tema della sessualità prima che lo conoscano attraverso gli scherzi dei compagni di classe, l’uso che ne fanno la pubblicità e Internet o anche prima che gliela mostrino a scuola, perché possiamo trasmettere la nostra definizione della sessualità.

A scuola, nelle lezioni di Scienza, Conoscenze Mediche o Biologia, si affronta il tema della “riproduzione umana” e si mostra solo un aspetto della sessualità, quello biologico e fisiologico. Spetta a noi, come madri e padri, anticipare e completare questa prospettiva sottolineando la dimensione affettiva come fonte di vita.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
educazionefiglisessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
rosary
Aleteia
Sapete quali sono i sacramentali istituiti dalla Madonna?
7
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni