Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché eseguire questo brano poteva essere motivo di scomunica?

Condividi

Miserere Mei (Allegri)

Tu vuoi la sincerità del cuore

Gregorio Allegri nel 1630 compone il suo Miserere, nonostante la semplicità delle note,  il brano è rimasto celebre per la sua bellezza e la sua armonia.  Veniva eseguito nella cappella Sistina a luci spente durante la settimana Santa, alla presenza del Papa, Urbano VIII, che per preservarne l’originalità e l’unicità ne proibì l’esecuzione al di fuori della Cappella Sistina, minacciando addirittura con la scomunica l’eventuale trasgressione al suo divieto. Gregorio Allegri, Sacerdote e compositore, nacque a Roma nel 1582. Fu il primo dei tre figlioli del cocchiere milanese Costantino ad essere iscritto nella prestigiosa scuola di S. Luigi dei Francesi a Roma. Papa Urbano VIII lo ammise nel collegio dei cappellani cantori e nella cappella pontificia il 6 dicembre 1629, con il ruolo di contralto. Andrea Adami scrisse di lui: «Egli ebbe poca abilità nel canto, mà la stima grande che di lui faceva tutta la professione della Musica, diè motivo al Papa di farlo ricevere per Cantore nella sua Cappella».

Il salmo 51 da cui è composto il brano, è il salmo che racconta il pentimento di Davide, il grande re,  che innamoratosi di Betsabea Mandò a morire in guerra il marito tradito, Uria, per liberarsi di lui.  

Costanza d’Ardia

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni