Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

6 cose meravigliose che ci ha lasciato il 2016 (definito il peggior anno di sempre)

(Marsden-Gaffigan) Via AFP-Outcasts-Takahiro Kyono CC-Norcia Monks-Pearl Street Films
Condividi

Alcuni spiragli di luce ci ricordano che, in fin dei conti, non è stato un anno così brutto

Il 2016 è stato, come molti lo hanno soprannominato, “l’anno peggiore di sempre“?

Persino un rapidissimo sguardo indietro nella storia fa sembrare questa dichiarazione perlomeno istrionica. Non si può però negare che il 2016 sia stato percepito come un anno in cui sono scomparse persone, luoghi e istituzioni a cui eravamo legati.

Da un punto di vista politico, sono venuti meno organismi internazionali, si è sgretolato il consenso nazionale in Europa e in America e in Medio Oriente si diffondono sempre di più instabilità e terrore; da un punto di vista geologico, è stato “l’anno del terremoto”, e potenti sismi hanno colpito soprattutto Taiwan, Italia, Nuova Zelanda, Giappone e Indonesia; nell’ambito dello spettacolo abbiamo perso il pugile Muhammad Ali, i cantanti Prince e David Bowie, e le attrici Debbie Reynolds e Carrie Fisher, rispettivamente madre e figlia.

Ma dovunque si collochi nella lista dei “peggiori anni”, il 2016 non è stato affatto male. Infatti, nel corso dell’anno, alcune grandi perdite hanno portato direttamente ad altrettanto grandi opere d’arte (e d’amore).

Tutte le cose alla fine cadono a pezzi e passeranno – sic transit gloria mundi – ma ecco sei spiragli di luce del 2016 che ci ricordano che la finitezza del mondo non ha l’ultima parola.

1. Leonard Cohen ci ha lasciato un album straordinario prima di morire

Quando Leonard Cohen lanciò un nuovo singolo nell’autunno del 2016, un giornalista della NPR ha segnalato che la “fragilità” della voce di Cohen avrebbe potuto essere un segno della sua eventuale fine. “È triste e difficile da dire”, ha scritto, “ma secondo me quella del prossimo album sarà l’ultima conferenza stampa  di Cohen”.


LEGGI ANCHE: La preghiera di Leonard Cohen in 10 canzoni


Infatti, così è stato. Cohen è scomparso poco più di un mese più tardi – ma non prima di rilasciare il suo ultimo album, You Want It Darker, la cui fragile bellezza ricorre a un “paesaggio biblico” per meditare sull’amore, sulla morte e su Dio.

2. The Jim Gaffigan Show è stato breve ma straordinario

È raro che un programma termini dopo solo due stagioni perché un po’ troppo coinvolgente. Ma questo è esattamente quello che è successo con The Jim Gaffigan Show su TV Land. Il comico e sua moglie (nonché co-sceneggiatrice) Jeannie hanno volutamente messo fine al loro “progetto personale”, perché “l’impegno in termini di tempo necessario a fare uno spettacolo di qualità ci portava lontano dal nostro progetto più importante, i nostri cinque figli”.

Eppure la seconda stagione ha donato un sacco di risate e ha mostrato il ritratto di una famiglia gioiosa che vive la propria fede a Manhattan, nel mondo dello spettacolo. “Abbiamo dichiarato apertamente che crediamo in Dio”, ha spiegato Jeannie in un’intervista, “e nel nostro settore, nel nostro ambiente, è un po’ strano. Ma ci siamo resi conto che, su questo argomento, un sacco di gente dice di sentirsi come un pesce fuor d’acqua in qualsiasi ambiente si trovino”.

3. I monaci di Norcia stanno ricostruendo il loro monastero – e la città – producendo e vendendo birra

Nel mese di ottobre, “l’anno del terremoto” ha raggiunto l’Italia e ha devastato la città di Norcia, tra cui la secolare Basilica di San Benedetto gestito da un ordine di monaci, molti dei quali sono americani. Come riportato dal New York Times, una delle poche cose rimaste in piedi nel monastero è la piccola fabbrica di birra.

Adesso la loro birra è utilizzata per aiutare a raccogliere fondi per ricostruire il monastero e la città di Norcia.


LEGGI ANCHE: Storie di speranza dal centro del disastro

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.