Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 21 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconArte e Viaggi
line break icon

Darth Vader, l’amato doccione della cattedrale nazionale di Washington

Public Domain via Wikipedia

Daniel R. Esparza - pubblicato il 16/01/17

Anche se quasi tutti hanno bisogno di un binocolo per vederlo, è lì dagli anni Ottanta, quando è stata costruita la torre nord-occidentale

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=lrcNIt8N6W8&w=560&h=315]
Alcune fonti attribuiscono l’uso dei doccioni a una leggenda collegate alla vita di San Romano, il vescovo di Rouen del VII secolo. In base alla leggenda, San Romano riuscì a soggiogare un dragone – chiamato Gargouille, “gola” o “esofago” in francese – mostrandogli la croce. Poi gli legò una corda intorno al collo e portò la bestia al centro di Rouen, dove il dragone venne ucciso e bruciato, anche se la testa e il collo non riuscirono ad essere consumati dalle fiamme nonostante i tentativi. San Romano decise allora di appendere i resti non bruciati a uno dei muri esterni della cattedrale come avvertimento, per ricordare a chiunque che il male è costantemente in agguato e può essere sconfitto solo dal potere della croce.

Ovviamente è solo una leggenda. In genere, gli autori sottolineano che l’uso dei doccioni nelle cattedrali ha una funzione pedagogica. Il dominio del male è al di fuori della chiesa, sia metaforicamente che letteralmente, e il male fugge dalla chiesa: “Le porte degli inferi non prevarranno contro di essa”. I doccioni e i mascheroni devono essere rinvenuti al di fuori della chiesa. Era un modo per descrivere chiaramente quello che si legge nelle Scritture in un’epoca in cui ben poche persone sapevano leggere e scrivere.

Non dovrebbe sorprendere che in una cattedrale contemporanea si ritrovi tra i doccioni quella che potrebbe essere una delle rappresentazioni più note del male della nostra epoca: Darth Vader, l'ex jedi che ha deciso di arrendersi al lato oscuro. Foto di Cyraxote.
Non dovrebbe sorprendere che in una cattedrale contemporanea si ritrovi tra i doccioni quella che potrebbe essere una delle rappresentazioni più note del male della nostra epoca: Darth Vader, l'ex jedi che ha deciso di arrendersi al lato oscuro. Foto di Cyraxote.

E allora non dovrebbe sorprendere che in una cattedrale contemporanea si ritrovi tra i doccioni quella che potrebbe essere una delle rappresentazioni più note del male della nostra epoca: Darth Vader, l’ex jedi che ha deciso di arrendersi al lato oscuro. Ma come ha fatto il personaggio di Guerre Stellari a trovare un posto nella torre nord-occidentale della cattedrale nazionale episcopale di Washington?

Negli anni Ottanta, la cattedrale organizzò un concorso di disegno per bambini che venne diffuso in tutta la Nazione attraverso la rivista World, del National Geographic.

Christopher Rader vinse il terzo premio per il suo disegno del cattivo Darth Vader. Lo scultore Jay Hall Carpenter allora lo scolpì, e Patrick J. Plunkett lo intagliò. Tra gli altri mascheroni della stessa cattedrale ci sono anche un uomo con grandi denti e un ombrello e una ragazza con le trecce.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=n681seIbjfs&w=560&h=315]

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE:Non guarderete mai più ‘Star Wars” allo stesso modo dopo aver visto questo video su ‘Rouge One’

Tags:
cattedraleguerre stellarinational geographicsculturawashington
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
PADRE ALDO TRENTO
Il blog di Costanza Miriano
Se un prete si innamora di una donna. Padre Aldo racconta la sua ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni