Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconStile di vita
line break icon

6 aspetti che i genitori di figli di successo hanno in comune

Sunny Studio/Shutterstock

Valerio Evangelista - Aleteia - pubblicato il 11/01/17

2. Sono autorevoli, non autoritari (né permissivi)

web-screaming-kid-shutterstock_128336156
Daniel Jedzura/Shutterstock

Uno studio condotto dalla psicologa dello sviluppo Diana Baumride (University of California, Berkeley), pubblicato inizialmente negli anni ’60, sostiene che esistano principalmente tre tipi di approcci genitoriali:

Permissivo, in cui il genitore tende a evitare ogni tipo di punizione e ad accettare qualsiasi impulso, desiderio o azione del bambino. Questo tipo di genitore preferisce coinvolgere i bambini in ogni scelta della famiglia (anche quelle che dovrebbero spettare unicamente ai genitori) e tende a non affidargli responsabilità domestiche e a non incoraggiare l’obbedienza a regole esterne.

Autoritario, in cui il genitore cerca di modellare, controllare e giudicare il comportamento del figlio in base ad una serie di regole, di solito considerate assolute. Questo tipo di genitore vede nell’imposizione e nelle punizioni un valido strumento per svolgere il proprio compito educativo, tendendo a limitare l’autonomia del bambino e a farlo agire anche in contrasto con i propri principi, perché il bene supremo è seguire le regole.


LEGGI ANCHE: 11 dritte per allevare figli gioiosi


Autorevole, in cui il genitore fa di tutto per indicare al figlio, attraverso la razionalità, la via da seguire. Questo tipo di genitore incoraggia il dialogo, spiega al figlio il perché delle scelte e ascolta il suo punto di vista, dando valore alla sua autonomia di pensiero pur mantenendo il ruolo decisionale nella vita della famiglia.

Il modello ideale è quello del genitore autorevole, il cui figlio crescerà con un sano nei confronti dell’autorità non sentendosi però schiacciato da essa.

3. Esortano i figli ad avere una vita sociale attiva

Dei ricercatori della Pennsylvania State University e della Duke University hanno seguito più di 700 bambini dall’asilo all’età di 25 anni, scoprendo una significativa correlazione tra le loro capacità sociali da piccoli e il loro successo da adulti.

Lo studio, durato 20 anni, ha mostrato che i bambini che sviluppano una socialità sana tendono a collaborare con i colleghi in modo spontaneo, ad aiutare gli altri, a comprendere i sentimenti altrui e a risolvere i problemi autonomamente molto di più di coloro che hanno abilità sociali limitate, in cui è stata invece riscontrata una maggior probabilità di essere arrestati, di bere e di candidarsi a bandi per le case popolari.

“Questo studio mostra che aiutare i bambini a sviluppare le proprie capacità emotive e sociali è una delle cose migliori che possiamo fare per prepararli ad un futuro sano”, ha dichiarato Kristin Schubert, program director della Robert Wood Johnson Foundation, fondazione che ha finanziato la ricerca.

4. Hanno alte aspettative

web-superhero-child-kid-girl-arm-mask-sunny-studio-shutterstock_187535036
Sunny Studio/Shutterstock

Utilizzando i dati di un sondaggio rivolto a 6600 bambini nati nel 2001, il professore della University of California Neal Halfon ha scoperto che le aspettative dei genitori nei confronti dei figli hanno un forte impatto sul raggiungimento dei loro obiettivi.


LEGGI ANCHE: 8 modi per aiutare i figli negli studi


“I genitori che aspirano a mandare i figli all’università sembrano fare di tutto per realizzare questo obiettivo, a prescindere dal loro reddito e da altri fattori”, ha dichiarato il professore.

Un altro studio di psicologia ha scoperto l’effetto Pigmalione, secondo il quale “ciò che una persona si aspetta da un’altra persona potrebbe essere una profezia che si autoavvera”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
famigliafiglisuccesso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni