Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Trova la persona che ti capisce perfettamente

web-fingers-crossed-true-love-larsp-cc

Lars P. - flickr

Suor Theresa Aleteia Noble - pubblicato il 11/01/17

Ciò che vogliamo davvero è essere amati radicalmente e compresi completamente

Vari anni fa ho telefonato a mia sorella e ho condiviso con lei quella che pensavo fosse una rivelazione sorprendente.

“Chiunque vuole solo essere amato!”, ho praticamente gridato al telefono.

“Ah, OK, Theresa”, ha risposto mia sorella cautamente.

“No, davvero”, ho insistito. “Ascoltami, è la chiave per comprendere te stessa e per relazionarti a qualsiasi persona che incontrerai!”

“Beh, tranne lo psicopatico occasionale”, ho aggiunto.

Abbiamo riso e sono sicura che mia sorella abbia preso mentalmente nota di tutelarsi dalle mie telefonate in futuro.

Ma ricordo ancora il momento in cui ho capito quella cosa. È stato uno dei quei momenti nella vita in cui la conoscenza superficiale e da cliché è diventata reale e profonda.

Chiunque vuole solo essere amato.

Alcuni esprimono il loro desiderio di essere amati respingendo gli altri prima di avere la possibilità di esserne feriti, perché non hanno mai sperimentato l’amore incondizionato.

Altri lo esprimono cercando di essere sempre al top – di essere i più intelligenti e i più carismatici, perché confondono il rispetto con l’amore.

Altri ancora cercano di essere fisicamente attraenti, perché confondono la lussuria con l’amore. E l’elenco potrebbe continuare a lungo.

Tutti noi, in qualche momento della nostra vita, abbiamo cercato l’amore in modi che hanno ferito noi stessi e gli altri, ma sotto le nostre ricerche confuse tutto ciò che vogliamo è essere amati radicamente e compresi completamente.

Ma anche quando cerchiamo l’amore nei posti giusti, tutti noi impariamo una lezione estremamente difficile da comprendere e accettare:

Nessuno ci amerà mai completamente.

LEGGI ANCHE:Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tua solitudine

Nessuno ci comprenderà mai completamente.

Nessun coniuge, amico, familiare o figlio ci guarderà mai negli occhi vedendo tutto.

Tranne Gesù.

Quando Gesù incontra per la prima volta Pietro nel Vangelo cosa fa? “Fissando lo sguardo su di lui, disse: ‘Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; ti chiamerai Cefa (che vuol dire Pietro)’” (Giovanni 1, 42).

Una sola frase così ricca di significato, che ci dice tanto sull’amore di Dio per Pietro e per noi.

Nel suo commento su Giovanni, San Tommaso d’Aquino ha scritto riguardo a questo episodio che Cristo, volendo rafforzare Pietro nella fede nella sua divinità, inizia a compiere opere divine, rendendo note cose nascoste.

Gesù dà a Pietro la prova del fatto che lo conosce approfonditamente e che sa cose di lui che nessun altro conosce. La conoscenza di Pietro da parte di Gesù si estendeva dal presente al passato, comprendendo anche l’albero genealogico di Pietro. Gesù ha guardato Pietro e lo ha conosciuto così bene da nominarlo profeticamente, prima della sua trasformazione in Cristo, in base alla persona che sarebbe diventato in futuro. Gesù conosceva Pietro così bene da sapere da dove veniva, dove si trovava e dove stava andando, o dove avrebbe potuto andare se avesse scelto di “immergere” la sua vita in Gesù.

Questa dimostrazione dell’amore di Dio che abbraccia tutto non si è verificata solo tra Gesù e Pietro in passato. Si verifica anche ora tra ciascuno di noi e Gesù. Avviene ogni volta che ci prendiamo il tempo di cercare Gesù e di guardarlo.

Il segreto del progresso nella vita spirituale si rinviene nel nostro incontro con questo amore incondizionato e infinito di Cristo. Solo quando siamo immersi nell’amore di Dio abbiamo la forza di abbandonare i tanti modi malsani in cui cerchiamo l’amore.

Dopo tutto, non troveremo mai nessuno che ci conosca, ci comprenda e ci ami come Gesù.

E allora dovremmo probabilmente smettere di cercarlo.

_______

Suor Theresa Aletheia Noble, fsp,è autrice di The Prodigal You Love: Inviting Loved Ones Back to the Church. Di recente ha pronunciato i primi voti con le Figlie di San Paolo. Ha un blog su Pursued by Truth.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE:Papa Francesco: l’amore “pazzo” di Dio piange per la nostra infedeltà

Tags:
amoreamore di diogesù cristo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni