Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

4 tipologie di molesti nella Bibbia e come sopportarle pazientemente

Public Domain

Silvia Lucchetti - Aleteia - pubblicato il 10/01/17


MOLESTI «DETESTABILI»

Per ultimi abbiamo i molesti detestabili, verso cui nutriamo un rifiuto viscerale in quanto diversi da noi per i loro convincimenti e modi di essere. In genere vengono ignorati ed emarginati, ma in alcuni casi verso di loro si mettono in atto comportamenti apertamente aggressivi.

«Un esempio di persona molesta «detestabile» è la donna che, durante un banchetto a cui era stato invitato Gesù, desta scandalo perché lo tocca bagnandogli i piedi con le lacrime e asciugandoli con i propri capelli. Il padrone di casa, il fariseo Simone, non riusciva ad ammettere che un uomo di Dio avesse una tale confidenza con una nota peccatrice. (…) Per il pio Simone è uno scandalo: non concepisce che si possa accettare una tale confidenza da una donna del genere. Lui vede solo una peccatrice, una persona molesta da tenere a distanza, non riesce a riconoscerla capace di amore e di fede. Ci riesce invece Gesù, il cui sguardo di misericordia vede ciò che è più importante in una logica d’inclusione e d’integrazione. Ed è questo suo atteggiamento, la fiducia di essere accolta, a incoraggiarla ad avvicinarsi al Signore».

COME È POSSIBILE SOPPORTARE FINO AD ARRIVARE AD AMARE LE PERSONE MOLESTE?

Con l’aiuto e la grazia di Dio, riconoscendoci molesti a nostra volta, affinando la capacità, come scrive l’autore, “di saper vivere e abitare tutte queste relazioni cercando di costruire comunione, incontro, condivisione”.

«La misericordia è una vera e propria arte di vivere e di amare e nell’accezione che qui esploriamo si configura come un educarci allo stare insieme. «Nessun uomo è un’isola, in sé completa: ognuno è un pezzo di un continente, una parte di un tutto», dice un passo del poeta John Donne (…) È possibile amare i molesti? E come? Risulta impossibile se ci adoriamo segretamente, se siamo preda di una sorta di idolatria di noi stessi che ci impedisce di vedere con obiettività i nostri limiti ed enfatizza quelli altrui».  

ACQUISTA QUI IL VOLUME

2341-2-def-350x500
  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
misericordiaopere di misericordiapazienzaperdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni