Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 18 Agosto |
Santa Chiara della Croce da Montefalco
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Pakistan, minoranze religiose tra conversioni forzate e blasfemia

web-facebook-Christians in Pakistan – it

facebook Christians in Pakistan

Vatican Insider - pubblicato il 10/01/17

Sono due tasti dolenti, ma nella provincia del Sindh non c’è nessun allarme: si segue il normale iter di legge

di Paolo Affatato

Nessun allarme per le minoranze religiose che vivono nella provincia del Sindh, nel Pakistan meridionale. Nella provincia vive la consistente minoranza dei cittadini di fede indù, retaggio della partition con l’India, britannica. Cristiani e indù (rispettivamente il 2% e l’1,5% della popolazione pakistana), rappresentano le comunità di fede non islamica più importanti del paese, a livello religioso, sociale e politico. In Sindh le relazioni interreligiose sono generalmente piuttosto buone ed episodi di violenza religiosa – per cui sono note altre province come Punjab o Khyber Pakhtunkhwa – sono più rari.

Nei giorni scorsi si era diffusa una certa apprensione per i cittadini del Sindh, a causa del disegno di legge sulle «conversioni forzate». A novembre scorso, la proposta di legge, sostenuta dal Partito Popolare del Pakistan (PPP), che è al governo nella provincia, è stata approvata all’unanimità dall’Assemblea provinciale, composta da diverse forze politiche e membri di diverse religioni.

Il testo voleva rispondere legittime rimostranze selle minoranze religiose per il fenomeno dei sequestri di giovani donne indù e cristiane, strappate alle famiglie di origine, convertite e costrette a nozze islamiche. A livello nazionale, secondo dati delle Ong, la pratica riguarda almeno mille ragazze l’anno (i casi denunciati) e spesso le famiglie non riescono a ottenere giustizia.

Dopo l’approvazione, le prime contestazioni hanno bollato il testo come «contrario ai principi dell’islam» e perfino incostituzionale, soprattutto nell’articolo di legge che prescrive l’età minima di 18 anni per poter liberamente cambiare religione.

Nel corso del dibattito, anche il PPP, partito al governo in Sindh, accanto ad altre forze politiche, ha suggerito una possibile revisione e il governatore Saeeduzzaman Siddiqi lo ha dunque rinviato all’Assembla provinciale senza ratificarlo, ma incoraggiando un «processo consultivo quanto più ampio e significativo, in armonia tra le diverse comunità religiose».

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
conversioni forzatepakistanpersecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni