Aleteia

Cosa non ti dirà sull’elemosina il tuo parroco

Condividi
Commenta

Troppo pochi donano troppo poco, ma la situazione potrebbe cambiare facilmente

È proprio quel momento dell’anno. Il tuo nuovo set di buste per le offerte domenicali arriva nella cassetta della posta, o lo prendi dopo la Messa. Forse senti ancora l’eco delle richieste dell’autunno scorso a un rinnovato impegno alla donazione settimanale alla parrocchia, o la tua chiesa sta avviando il processo di richiesta per la raccolta diocesana annuale. Si aprono anche le iscrizioni dell’anno prossimo alla scuola cattolica.

Potresti ritrovarti a borbottare: “Soldi! Soldi! Soldi! Il parroco parla sempre e solo di questo!”

Vi svelerò un segreto: il parroco teme tutto questo ancor più di voi. Ed ecco un altro segreto: indipendentemente dal fatto che si tratti solo di una o due volte all’anno (che è lo standard) o sia più frequente (quando ce n’è la necessità), è probabile che se anche il parroco parla di soldi non lo faccia abbastanza.

Pensate alla prima parte. Il vostro parroco vive la sua vocazione sacerdotale di predicare il Vangelo, amministrare i sacramenti e avvicinare la gente a Cristo. A meno che la sua non sia stata una vocazione tardiva e prima fosse nel mondo degli affari, è improbabile che abbia ricevuto una formazione a livello di gestione di imprese no-profit, che è l’equivalente delle responsabilità secolari del parroco. Il sacerdote diocesano medio odia parlare di denaro anche più di quanto voi odiate sentirne parlare.

Fortunatamente, il vostro pastore ha probabilmente più possibilità di ricevere sostegno di quante se ne avessero all’epoca dei nostri genitori o dei nostri nonni. Gli uffici di assistenza diocesana offrono guida e risorse, e molte parrocchie hanno comitati finanziari o consigli pastorali con membri che hanno una formazione a livello di affari e finanza. I parroci sono più aiutati a prendere decisioni finanziarie sagge.

Ma c’è qualcosa che non è cambiato per generazioni, ed è il motivo per il quale il parroco non può mai parlare abbastanza di denaro. La media del reddito che noi cattolici statunitensi offriamo alla nostra Chiesa (includendo non solo la colletta settimanale parrocchiale, ma anche le raccolte speciali e altre offerte collegate alla Chiesa) è solo dell’1%. È la percentuale di donazioni più bassa di qualsiasi grande denominazione religiosa negli USA.

Pagine: 1 2

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
elemosinaparrocchiapoveri
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni