Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconSpiritualità
line break icon

Il “komboskini” o “corda da preghiera”: il rosario ortodosso

Daniel R. Esparza - pubblicato il 09/01/17

Si dice tuttavia che il cosume di fare dei nodi sulla corda sia da attribuire a Sant’Antonio il Grande, padre del monachesimo orientale. In precedenza i monaci tenevano il conto gettando piccole pietre in una ciotola, ma il metodo era poco pratico (soprattutto se il monaco doveva pregare fuori dalla sua cella, dovendosi portare dietro una borsa di pietruzze e una ciotola).

La tradizione segnala che ogni volta che Sant’Antonio recitava un “kyrie” (“Abbi pietà di me”) faceva un nodo alla corda, fino ad arrivare alle 150 preghiere quotidiane. Ogni volta che il santo faceva un nodo, però, il diavolo lo scioglieva per fargli perdere il conto, impedendogli così di realizzare il suo compito quotidiano. Il santo, allora, decise di fare un nodo su ogni nodo, di modo che i nodi stessi formassero una croce, impedendo al diavolo di scioglierli.

In genere queste corde da preghiera (chiamate “komboskini” in greco, “chotki” o “vervitsa” in russo e “misbaha” in arabo) hanno tra i 100 e i 150 nodi, anche se ce ne sono alcune che ne hanno 33 (a simboleggiare l’età di Cristo al momento della morte), 41 (il numero di frustate ricevute da Cristo) o 64 (l’età di Maria quando venne assunta in cielo).

Quasi tutte le corde sono realizzate esclusivamente dai monaci, e alcune includono una nappa con la quale si asciugano le lacrime versate per la compunzione per i propri peccati. Questa nappa alla fine della corda, segnalano alcuni, simboleggia anche il regno dei cieli, nel quale si entra solo attraverso la croce (che nella corda precede la nappa).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
preghierasalmi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni