Aleteia

Sei consigli per uscire fuori da un amore tossico

Condividi
Commenta

Il tuo lui torna da te dicendo di voler rimediare ai suoi errori? Fai molta attenzione

Cosa bisogna fare per non cadere preda della sindrome “inseguimento/panico” di un partner nocivo? Se ti sei ritrovata a chiederti: “Perché non mi lascia andare se non mi vuole?“, ecco alcune cose da sapere per tirarti fuori da questa tipologia di relazioni (The Huffington Post, 19 dicembre).

1. DUE VELOCITA’ DIVERSE

Tu desideri connessione, intimità, impegno, longevità del rapporto. Lui desidera queste cose quando tu scappi via. Ma quando ti riavvicini e gliele offri, si sente soffocare, va in panico, scappa o compromette il rapporto, dimostrandosi inaffidabile e/o infedele. Quello che funziona per te non funziona per lui.

2. RALLENTA

Se decidi di dare al tuo ragazzo una seconda possibilità perché lui giura di essere cambiato e vuole quello che vuoi tu, vacci piano. Il sesso riparatore può essere scoppiettante, ma non è indicativo di un cambiamento reale.

3. NON SI VIVE IN UN FILM

Richard Gere è tornato in sé dopo aver scaricato Debra Winger. Si precipita nella fabbrica dove lei lavora per portarla via, verso un futuro dove lui sarà amorevole e sexy come un “gatto sul tetto che scotta”. È una fantasia nociva come “La bella addormentata” e “Biancaneve”.

4. CREDI A QUELLO CHE FA

Quando il tuo uomo ritorna strisciando, con le lacrime agli occhi, distrutto, è portato a dirti di tutto pur di riaverti. E probabilmente dice sul serio, è questa la parte più insidiosa. Ma quando ti ha riconquistata, si sente soffocare ancora una volta.

5. NON TROVARE SCUSE AL SUO PESSIMO COMPORTAMENTO

In generale, le donne attratte da stronzi allergici all’impegno hanno un’empatia sovrabbondante e la tendenza ad attribuire responsabilità sbagliate.

Se abbiamo avuto un’educazione instabile (ad esempio genitori con dipendenze di qualsiasi tipo) spesso portiamo con noi, nell’età adulta, quella sensazione di essere la causa del problema, offrendo il fianco a uomini allergici alle relazioni serie, caotici, narcisisti, tossici e simili.

6. ABBI CURA DI TE

Quando un ex dannoso torna da noi, distrutto perché gli manca la relazione che lui stesso ha mandato all’aria, per natura siamo portate a correre ai ripari. Quando provi questo impulso fai attenzione, e dubita della sua autenticità.

Chiedi a te stessa: “Di cosa ho bisogno in questo momento? Cosa mi farebbe sentire stabile, ragionevole, tranquilla?”. Dai priorità a te stessa.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni