Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconvaticano notizie
line break icon

Papa Francesco ai giovani di Taizè: “Il male non ha l’ultima parola”

Vatican Insider - pubblicato il 28/12/16

Passano le generazioni ma non si esaurisce, anzi aumenta e si dilata, come simbolo di speranza e fraternità, l’esperienza che si ispira alla preghiera e al dialogo ecumenico della Comunità di Taizè. Dagli anni della guida di frerè Roger, undici anni fa ucciso per mano di un giovane squilibrato, fino a oggi, sotto la guida sicura di frerè Alois, nel segno di Gesù misericordioso, sono migliaia i ragazzi d’Europa che hanno scoperto o riscoperto la fede attraverso questa realtà. 

In migliaia da tutta Europa, giovani ortodossi, protestanti e cattolici si ritroveranno a Riga in Lettonia, dal 28 dicembre al 1° gennaio, per dire no a coloro che seminano odio e disprezzo dell’altro, pensando ad un anno, quello appena trascorso, davvero difficile per l’Europa. Da un lato colpisce i cuori dei giovani l’inadeguatezza e la sofferenza per l’incapacità di dare una risposta concordata e armomica all’accoglienza alle migliaia di profughi e rifugiati; dall’altro lato i ragazzi sono attoniti e angosciati dalle violenze e dagli attacchi, che hanno ucciso molti loro coetanei, perpetrati dalla follia del terrorismo fanatico: da Parigi a Bruxelles, agli ultimi tragici eventi in Germania. Senza dimenticare ciò che sta accadendo in Siria e in tutta l’area del Mediterraneo e del Medioriente, dove guerre, violenze e oppressioni di popolazioni e comunità sono una realtà tragica. 

“Oggi”, scrive Francesco ai giovani che si stanno recando in Lettonia, “molte persone sono sconvolte, scoraggiate dalla violenza, da ingiustizie, sofferenza e divisioni. Hanno l’impressione che il male è più forte di tutto”. Voi, “testimoniate con le parole e i fatti che non è così”, aggiunge Bergoglio. Per questo, il Papa ripete ai ragazzi di Riga quanto ha scritto al termine del Giubileo nella Lettera “Misericordia et Misera”: “È il tempo della misericordia per tutti e per ognuno, perché nessuno possa pensare di essere estraneo alla vicinanza di Dio e alla potenza della sua tenerezza”. 

Alla vigilia del 39° Incontro europeo dei giovani, che fa tappa ad Est, in un contesto di dialogo oltre le frontiere e le grandi sfide e insicurezze del Vecchio continente, Alois parla di “Pellegrinaggio della fiducia sulla terra e aggiunge riprendendo un passaggio del messaggio del Papa che è fondamentale “manifestare a parole e con azioni che il male non ha l’ultima parola”. Oggi p necessari, più tante parola, oltre alla diplomazia dei negoziati e degli accordi, l’incontro tra le persone e i popoli, altrimenti “sarà impotente ciò che si svolge a livello istituzionale”.  

Il priore della comunità di Taizè, che lo scorso anno a Natale è stato in Siria, ricorda che è in preparazione per il prossimo anno a settembre, un pellegrinaggio in Egitto con una visita in particolare alla Chiesa copta ortodossa. Con alcuni fratelli e giovani di diversi Paesi, si stanno organizzando incontri con le comunità locali e in particolare con il vescovo Thomas, uno dei responsabili della Chiesa copta con il quale la fraternità di Taizé ha iniziato da qualche tempo un percorso di amicizia. Cosa dunque cercano i giovani che si recano agli incontri di Natale e nelle settimane di permanenza a Taizè. Frere Alois risponde con profondità e saggezza: “Cerchiamo di aiutarli ad approfondire la loro fede, la loro fiducia esistenziale in Dio. Per resistere alla instabilità angosciante della nostra epoca, occorre avere radici profonde e queste radici hanno bisogno di tempo per svilupparsi a poco a poco”. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni