Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconNews
line break icon

Il sacerdote rapito in Yemen chiede aiuto in un toccante video

Alfa y Omega - pubblicato il 28/12/16

Se padre Tom è ancora vivo dopo 9 mesi nelle mani dei terroristi, "lo dobbiamo alle preghiere"

Padre Tom Uzhunnalil, rapito lo scorso marzo durante un attacco jihadista nella casa delle Missionarie della Carità in Yemen (nel quale furono assassinati quattro religiosi), è recentemente apparso in un video.

“Sebbene nelle immagini rilasciate il salesiano sembri avere salute fisica e mentale alquanto debole, il video è una testimonianza che padre Uzhunnalil si trovi ancora in vita“, hanno spiegato i salesiani in un comunicato.

Nel video, pubblicato su Youtube sabato 24 dicembre, il sacerdote salesiano ammette che “la mia salute sta peggiorando. Dovrei essere ricoverato immediatamente”, e supplica: “Per favore, venite rapidamente in mio aiuto”.

Uzhunnalil ha anche richiesto l’aiuto di papa Francesco, al quale chiede: “in quanto padre, abbi cura della mia vita”.


LEGGI ANCHE: L’ultima lettera delle suore trucidate in Yemen


Pregare incessantemente

I salesiani di Bangalore, frati della comunità del sacerdote sequestrato, ha spiegato all’Agenzia di informazione salesiana che li ha contattati che “se padre Tom è ancora vivo, lo si deve alle preghiere di tantissime persone in tutto il mondo”.

Chiedono inoltre che si continui a pregare “affinché padre Tom sia presto sano e salvo”, “per la pace nel mondo” e affinché venga posta fine alla “persecuzione religiosa, culturale e sociale” contro i cristiani.

“La Congregazione Salesiana rinnova la speranza di poter tornare ad abbracciare questo fratello e continua a sostenere gli sforzi per una conclusione positiva di questa situazione”, conclude il comunicato dell’agenzia ANS.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
cristiani perseguitatisacerdotisalesianiyemen
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni