Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 15 Aprile |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconStile di vita
line break icon

Le 3 fonti della tristezza e qualche risorsa per affrontarla

Kathryn-CC

padre Carlos Padilla - pubblicato il 27/12/16

Se so come perdo l'allegria, posso rimediare

La tristezza a volte mi turba. Perdo la pace e non sono felice. So che ho le mie fonti personali di tristezza. So per quali vie finisco per vivere senza gioia.

Padre Josef Kentenich diceva: “Guardando le nostre esperienze e le nostre osservazioni, scopriamo che le fonti di tristezza sono tre: in primo luogo il demonio; in secondo luogo il temperamento malinconico; in terzo luogo i duri colpi del destino. Diventa necessario avere forza per superare il pessimismo, la tristezza e la malinconia, attraverso una sana educazione” .

Molte volte so che il mio peccato mi intristisce. Quando non faccio ciò che voglio fare. Quando non mi comporto come vorrei. Quando mi lascio trasportare dalle tentazioni e divento schiavo. Essere libero mi rallegra. Essere schiavo mi toglie la gioia.

A volte il mio temperamento mi porta a uno stato permanente di malinconia. Mi lascio trascinare dallo scoraggiamento e penso che non cambierò mai. Ma non è così. Maria può cambiarmi.

A volte sono i duri colpi della vita che mi turbano. Non è semplice uscire dalla tristezza provocata da una disgrazia. Mi resta solo di guardare il cielo e di confidare nel fatto che Gesù sia con me. Chiedere la grazia dell’abbandono. Una gioia che venga da Dio e mi sollevi l’animo.

E penso di aver bisogno di eliminare la tristezza che a volte mi offusca l’anima. Nei momenti di croce confidare nel fatto che Gesù è con me. E soffrire la tristezza naturale di perdere quello che amiamo.

In quei momenti non ci sono parole di consolazione che servano. A volte cerchiamo di consolare chi soffre con frasi fatte e belle, volendo far sì che veda un senso nella sua croce, ma non è possibile. In quei momenti è quasi meglio tacere e non dare consigli. È meglio abbracciare che cercare spiegazioni. E pregare in silenzio vicino a chi soffre.

  • 1
  • 2
Tags:
tristezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni