Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Spiritualità

3 semplici modi per rendere il giorno di Natale davvero santo

Anthony Goto CC

Philip Kosloski - pubblicato il 23/12/16

È facile essere travolti dall'eccitazione per i regali e perdere di vista il vero motivo per festeggiare

È abbastanza strano che uno dei giorni dell’anno che è più difficile rendere santo sia il giorno di Natale. Se è una giornata gioiosa da trascorrere in famiglia, è molto complicato ricordare che è davvero un giorno santo, oltre che una festa. È troppo facile essere travolti da tutta l’eccitazione per i regali e perdere di vista il vero motivo per festeggiare.

Per aiutare a equilibrare la giornata e ricordare la solennità dell’evento della nascita di Cristo, ecco tre semplici modi per santificare il giorno di Natale e mantenere l’anima concentrata su Cristo.

1. Non dimenticare la Messa a Natale

Potrebbe sembrare ovvio, ma vale la pena di ribadirlo. Assistere alla Messa di mezzanotte o la mattina del giorno di Natale è un modo per rimanere concentrati sul vero evento che si sta celebrando. La Chiesa ci offre splendide letture e immagini che richiamano la notte sacra di duemila anni fa e ci insegna che il Natale è molto più di doni e feste. Andando a Messa, offriamo a Dio il nostro essere nel sacrificio sull’altare e accettiamo il suo più grande dono per noi, la Santa Eucaristia.

La celebrazione della Messa è infatti molto simile a quel primo giorno di Natale in cui Cristo è sceso dal cielo per abitare tra noi come bambino. Durante la Messa, viene a noi sotto forma di pane e vino e desidera dimorare non in una mangiatoia, ma nel nostro cuore.

Dopo aver assistito alla Messa, fa bene inginocchiarsi davanti al presepe in chiesa e prendersi qualche momento per pregare. Aiuta a dare il giusto tono al resto del Natale e ci offre l’occasione di concentrarci sul Cristo Bambino.

LEGGI ANCHE:Quando Chesterton difese i regali materiali, simbolo del cristianesimo
2. Iniziare la giornata in solitudine e preghiera

Un secondo modo che aiuta a promuovere uno spirito di preghiera il giorno di Natale è svegliarsi prima dei bambini e stare un attimo tranquilli. Nel Salmo 46, Dio ci parla dicendo: “Fermatevi e sappiate che io sono Dio” (v. 11). Sappiamo tutti che una volta che si svegliano i bambini inizierà il caos. È per questo che è bene iniziare il giorno di Natale nella “stanza interiore” di silenzio e preghiera, concentrando la propria attenzione su Cristo e sul suo compleanno.

Qualunque cosa riusciate a fare (possono essere anche solo 5 o 10 minuti di preghiera silenziosa), fermarvi al mattino vi permetterà di “cogliere l’attimo” prima che inizi il trambusto natalizio.

3. Terminare la giornata in solitudine e preghiera

L’inizio e la fine della giornata vengono spesso indicati come “fermalibri”. Cosa succede tra questi due fermalibri è spesso incontrollabile, e trovare un momento per respirare può non essere facile. È per questo che fa sempre bene terminare la giornata come si è iniziata: in silenzio e solitudine.

Oltre a soffermarsi sul Cristo Bambino e a rivolgere i propri pensieri a Dio, il giorno di Natale è una buona idea contare le proprie benedizioni. Bing Crosby lo dice in modo splendido nel classico film White Christmas, il preferito di tanti in questo periodo dell’anno.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=DXKxazgio2s&w=560&h=315]

Il Natale è una giornata splendida per molte ragioni, e quindi terminare la giornata con un ringraziamento è un ottimo modo per mantenere lo spirito natalizio, concentrare la propria attenzione su Dio ed essere grati per quello che si ha, anziché soffermarsi sui tanti regali o gadget ricevuti.

Alla fin fine, i modi che ho suggerito possono sembrare molto semplici e ovvi, ma a volte falliamo nel metterli in pratica. Santificare il giorno di Natale non dev’essere un grande evento orchestrato in cui ciascuno è costretto a recitare tutti i misteri del rosario prima di aprire i regali. Può essere più utile imitare la semplicità e l’umiltà della nascita di Cristo e fare cose piccole ma con grande amore.

Cristo non è venuto nel mondo tra fanfare e spettacoli di luce. È venuto nel cuore della notte, in silenzio. È lì che troveremo Gesù il giorno di Natale.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE:L’importanza di mantenere la Messa di Mezzanotte… a mezzanotte

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
liturgianatalepreghieravigilia di natale
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni