Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconCultura
line break icon

Si dice 'presepe' o 'presepio'?

merto87 - flickr

Aleteia - pubblicato il 21/12/16

State preparando una rappresentazione della Natività insieme alla famiglia e il nonno esclama: “Questo è proprio un bel presepe!”. Subito lo corregge la sorella più grande, la saccente della famiglia: “Nonno, si dice presepio!”. E in pochi secondi scatta una querelle antropo-linguistica su chi abbia ragione. Vengono consultati dizionari, i più giovani prendono al volo lo smartphone e controllano su Wikipedia… e poi qualcuno invoca Alessandro Manzoni per risolvere la disputa: si dice… scopritelo nel video qui sotto dalle parole di Matilde Paoli, consulente linguistica e collaboratrice dell’Accademia della Crusca.

Già! Si può dire in entrambi i modi. Nello specifico, Alessandro Manzoni usò sia la parola “presepe” che la parola “presepio” nella sua opera Il Natale:

La mira Madre in poveri

panni il Figliol compose,

e nell’umil presepio

soavemente il pose;

e l’adorò: beata!

innanzi al Dio prostrata,

che il puro sen le aprì. (vv. 64-70)

Senza indugiar, cercarono

l’albergo poveretto

que’ fortunati, e videro,

siccome a lor fu detto,

videro in panni avvolto,

in un presepe accolto,

vagire il Re del Ciel. (vv. 92-98)

In un articolo del 2014 Matilde Paoli aveva già risolto la questione:

Se uno dei padri della lingua italiana come Alessandro Manzoni poteva usare nello stesso componimento e in un contesto assai simile sia presepio che presepe non possiamo dare altra risposta alla domanda dei nostri lettori che non sia: si possono usare entrambi i termini.
Già il latino aveva due forme, quella più antica praesaepe, –is, sostantivo neutro della terza declinazione attestato anche in Virgilio – a cui si affianca una forma femminile praesaepes, –is usata da Plauto – e praesaepiumpraesaepii, neutro della seconda (lo troviamo in Plinio, nel I sec. d. C.) ricostruito sul plurale praesaepia (cfr. E. Vineis, Studio sulla lingua dell’Italia, “L’Italia Dialettale”, XXXIV , 1971, pp.137-248: 177-178). La fortuna di questa forma più recente è legata alla sua presenza sia nella versione latina del testo della Bibbia adottata dalla Chiesa, conosciuta come Vulgata, sia nelle varie e incomplete versioni precedenti indicate solitamente col nome di Itala.
La stessa pluralità del latino troviamo testimoniata nei primi secoli dell’affermazione del volgare in testi di varia provenienza: franco-piemontesi, toscani e, più specificatamente, fiorentini, ma anche mediani e meridionali, per forme riconducibili a presepe, e lombardi, bolognesi, trevisani, veneziani , toscani, fiorentini, pisani per forme riconducibili a presepio (cfr. TLIO sv PRESEPE e PRESEPIO). Il valore è quello già latino di ‘mangiatoia’ con in più il riferimento all’episodio evangelico della Natività; si tratta infatti di voci dotte diffuse in larghi strati anche bassi della popolazione soprattutto attraverso la predicazione in latino o in volgare. Un ulteriore mezzo di propagazione è costituito dalle sacre rappresentazioni che mettevano in scena la nascita di Gesù (cfr. Luca, II, 7-16), di cui la più famosa è senza dubbio la Natività di Greccio a opera di san Francesco nel 1223, considerata il primo presepe vivente della storia.
L’incertezza tra le due forme permane per tutto il Trecento: lo stesso Petrarca le usa entrambe sia in senso religioso, sia “laico”, ovvero nel significato proprio di ‘mangiatoia’. Nei secoli successivi sembra prevalere la forma presepio: dalle attestazioni, quasi tutte di ambito religioso e molte riferibili alle sacre rappresentazioni, del ’400, si passa a un impiego più esteso nel ’500: è questa infatti l’unica forma usata dal Tasso, dall’Alamanni, dal Vasari, dall’Aretino. Presepe è comunque presente in alcuni autori, specie nel senso non religioso. Questa tendenza (sia chiaro mai pienamente realizzata) a impiegare presepe in senso proprio e presepio in riferimento alla Natività si trova anche nel Seicento, anche in uno stesso autore: Giovambattista Marino usa presepio in poesia (La galeria) e in prosa (in una lettera al Ciotti stampatore) in senso religioso, mentre nell’Adone impiega presepe in senso “laico”.

Continua a leggere l’approfondita spiegazione sul sito dell’Accademia della Crusca.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
presepe
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni