Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconStorie
line break icon

Alan Ruschel: "Dio mi ha preso in braccio dicendomi che ho una missione sulla Terra"

Alvaro Real - pubblicato il 20/12/16

La straziante conferenza stampa di uno dei sopravvissuto alla tragedia aerea di Chapecoense

Il difensore Alan Ruschel, sopravvissuto al disastro dell’aereo che trasportava la squadra del Chapecoense, ha tenuto una conferenza stampa dopo essere tornato a casa. In quell’occasione ha dichiarato di voler fare di tutto per tornare a giocare a calcio: “Ci vorranno tre mesi per la calcificazione della colonna vertebrale, altri due per rinforzare la muscolatura. Sono solo all’inizio”. Ruschel ha avuto bisogno di poche parole per mostrare ciò che prova in questi giorni.

“Ho sentimenti contrastanti: c’è grande gioia, perché sono di nuovo qui, ma nello stesso tempo sono in profondo lutto, perché ho perso tanti amici”.


LEGGI ANCHE: “Custodite la mia fede nuziale”: la toccante richiesta di un calciatore sopravvissuto al disastro aereo di oggi


Nel momento in cui l’aereo si è schiantato, Dio mi ha preso in braccio e mi ha detto che io ho una missione qui sulla Terra. Ecco perché non mi ha portato via. L’unica spiegazione è che sia avvenuto un miracolo: sono vivo e posso camminare”, ha affermato il calciatore.

Alan Ruschel è uno dei sopravvissuti alla tragedia dell’aereo caduto nei pressi di Medellín. Quando arrivò in stato di choc all’ospedale della città colombiana di La Ceja (la più vicina al luogo dell’incidente), chiedeva sempre della sua famiglia.

Una storia molto forte. La sua sopravvivenza ha avuto come protagonista un bambino di 10 anni, diventato il suo angelo. Il suo aiuto fu determinante per permettere ai servizi medici di effettuare il salvataggio del giocatore.

https://youtu.be/PMG6zctx3JI

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni