Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ecco il luogo in cui è nato Gesù!

Creative Commons
Condividi

Betlemme, la “Casa del Pane”

La Sacra Scrittura allude per la prima volta a Betlemme nel libro della Genesi, parlando della morte e sepoltura di Rachele, seconda moglie del patriarca Giacobbe. Rachele morì e venne sepolta sulla via di Efrata, ovvero di Betlemme. Efrata, che significa “la fertile”, è infatti un altro nome per la stessa città.

Quando le terre del popolo eletto vennero distribuite tra le tribù, Betlemme venne assegnata a Giuda, e quindi divenne culla di Davide, il piccolo pastore, figlio minore di una famiglia numerosa, scelto da Dio per diventare il secondo re di Israele. Da quel momento, Betlemme divenne unita alla dinastia davidica.

Il profeta Michea annunciò che in quella piccola località sarebbe nato il Messia:

“E tu, Betlemme di Efrata così piccola per essere fra i capoluoghi di Giuda, da te mi uscirà colui che deve essere il dominatore in Israele”.

All’inizio del I secolo, Betlemme era un villaggio che non avrà avuto più di mille abitanti. Era formato da un piccolo insieme di case disseminate sul crinale di una collina. Gli abitanti vivevano di agricoltura e allevamento. Nell’estesa pianura ai piedi della collina c’erano buoni campi di grano e di orzo. È forse da queste colture che deriva il nome Bet-Léhem, che in ebraico significa “la casa del pane”.

LEGGI ANCHE: Senti la pace di Betlemme

È molto significativo meditare sul rapporto tra Betlemme, “la casa del pane”, e l’Eucaristia…

I primi discepoli di Cristo erano pienamente consapevoli dell’importanza che aveva acquisito Betlemme. A metà del II secolo San Giustino, originario della Palestina, richiamava i ricordi che gli abitanti del villaggio trasmettevano di padre in figlio sulla grotta in cui era nato Gesù.

Conoscete Betlemme attraverso questo breve e splendido video prodotto dal Christian Media Center, della Custodia di Terra Santa (5 minuti):

Quest’altro video, anch’esso del Christian Media Center, presenta in modo più dettagliato la storia della Grotta della Natività (17 minuti):

Nella foto seguente, papa Francesco prega davanti alla Grotta della Natività. Una stella a terra, sotto l’altare, rappresenta il luogo in cui nacque Gesù!

10383570_583950418379676_6091011696368440763_n-640x384

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE:
Com’è apparsa la Stella di Betlemme? Cosa ci dicono la scienza e i santi?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.