Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconvaticano notizie
line break icon

“Amoris laetitia”, l’ultimatum di Burke a Francesco

Vatican Insider - pubblicato il 20/12/16

Il cardinale Raymond Leo Burke, patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta, ha dato un ultimatum a Francesco: se il Pontefice non risponderà ai cinque «dubia» sull’esortazione «Amoris laetitia», procederà con una «correzione formale» del Papa appena passate le feste natalizie. 

Burke lo ha raccontato a «Lifesitenews», portale pro-life americano. Come si ricorderà i cinque «dubia» erano stati presentati al Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede dal cardinale Burke e da altri quattro porporati – il curiale Walter Brandmüller e gli emeriti di Colonia e Bologna Joachim Meisner e Carlo Caffarra – il 19 settembre 2016, e meno di due mesi dopo il testo veniva reso pubblico sul web. 

Dei quattro cardinali era stato soltanto Burke ad aggiungere che, in mancanza di risposta a stretto giro di posta, ci sarebbe stata una «correzione formale». Lo ha affermato in interviste, anche se non si è compreso se gli altri tre co-firmatari sostengano allo stesso modo e con la stessa tempistica l’azione della «correzione formale».  

Il cardinale Burke continua a riferirsi all’istituto della «correzione formale» come se si trattasse di un istituto canonico consolidato e utilizzato: «È un antico istituto nella Chiesa, quello della correzione del Papa», ha detto. Anche se poi, suggerendo indirettamente un paragone con se stesso, cita come esempio il caso di san John Fisher in Inghilterra al tempo del re Enrico VIII: «fu l’unico vescovo che tenne viva la verità della fede, che difese Cristo e la sua Santa Chiesa». Molti però fanno notare come non si rintraccino nella storia della Chiesa «atti formali di correzione» intesi come un richiamo dottrinale. Completamente diverso è il caso di richieste di spiegazioni o anche la presentazione di rimostranze al Papa durante la discussione in concistoro non destinata a essere resa pubblica. 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni