Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconvaticano notizie
line break icon

Siria, l’Onu voterà una risoluzione per dispiegare osservatori ad Aleppo

Vatican Insider - pubblicato il 19/12/16

«Le vittime della violenza in Siria sono tutti i siriani, musulmani e cristiani. E a soffrire sono in modo particolare i poveri, quelli che non hanno avuto la possibilità di fuggire». Padre Jacques Murad, monaco siriano della Comunità di Deir Mar Musa, sottolinea in una dichiarazione rilasciata all’Agenzia vaticana Fides che una possibile, autentica riconciliazione richiederà tempi lunghi, e sarà possibile solo a patto di evitare interpretazioni e strumentalizzazioni in chiave settaria delle sofferenze indicibili provocate da 5 anni di conflitto. Lo dice mentre prosegue tra mille difficoltà l’evacuazione della popolazione dai quartieri est di Aleppo controllati per anni da milizie ribelli in gran parte di marca jihadista. 

«Le atrocità della guerra» rimarca padre Murad «hanno inflitto tormenti a tutte le comunità, a persone di tutte le confessioni. Le prime vittime del Daes (l’auto-proclamato Stato Islamico, ndr) sono stati i musulmani sunniti. In questo senso, considero inappropiato affermare che è in atto un ’genocidio’ dei cristiani in Medio Oriente. Sono state certo colpite le comunità cristiane che vivono in quelle terre fin dall’inizio dell’annuncio cristiano» prosegue padre Murad, «ma non è giusto e non conviene presentare i cristiani come le uniche vittime della guerra. Questo non farebbe che aumentare il settarismo».  

A giudizio del monaco siro cattolico, la riconciliazione richiederà tempo: «Occorre chiedere prima di tutto che Dio operi il miracolo e risani ferite mortali. Noi, come cristiani, possiamo fare una cosa importante: in questo momento, pur nelle tribolazioni che stiamo vivendo, possiamo mostrare la nostra solidarietà verso i fratelli musulmani che hanno sofferto come noi e più di noi. Così aiuteremo anche le comunità cristiane del Medio Oriente a rimanere nelle terre dove sono radicate da sempre». 

Intanto, a New York, oggi alle 9 (ora locale), il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si prepara a votare il testo di una risoluzione che prevede il dispiegamento di osservatori delle Nazioni Unite ad Aleppo per garantire l’ingresso di aiuti umanitari e le operazioni di evacuazione della popolazione e delle milizie ribelli ancora presenti nei quartieri di Aleppo est riconquistati dall’esercito governativo e dai suoi alleati. Stamane è proseguita l’evacuazione di civili e miliziani dai quartieri orientali di Aleppo, e almeno mille persone hanno lasciato la città su convogli di bus verdi diretti verso aree attigue al confine con la Turchia. 

Padre Jacques Mourad attualmente si trova a Sulaymaniya, nel Kurdistan iracheno, dove porta avanti il suo ministero sacerdotale anche a servizio di tanti sfollati cristiani provenienti dalla Piana di Ninive, fuggiti davanti all’avanzata dei jihadisti dello Stato Islamico. Nel maggio 2015 i miliziani di Daesh avevano rapito anche lui, prelevandolo dal monastero di mar Elian, nella città siriana di Qaryatayn, e lo avevano tenuto segregato per mesi, per poi riportarlo di nuovo a Qaryatayn, dopo averla conquistata, insieme ad altre centinaia di cristiani sequestrati della stessa città, che come lui avevano sottoscritto con lo Stato islamico il «Contratto di protezione».  

«Durante la prigionia» racconta a Fides padre Murad «ogni giorno temevo che sarebbe stato l’ultimo. Nell’ottavo giorno di prigionia, a Raqqa, un capo jihadista è venuto nella mia cella e mi ha invitato a considerare il mio sequestro come una sorta di ritiro spirituale. Quelle parole mi hanno impressionato: ho pensato che Dio utilizzava perfino un capo del Daesh per consegnarmi un messaggio spirituale. Sono certo che anche l’impegno della mia comunità per aiutare tutti i bisognosi della regione di Qaryatayn, sia cristiani che musulmani, ha fatto in modo che tutti i 250 cristiani di quella città, dopo essere stati anche deportati dai jihadisti, hanno poi ritrovato la libertà, sani e salvi». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni