Aleteia

Lateranense, 7mila ore di carità per la città di Roma

Condividi
Commenta

Una iniziativa nel segno di Papa Francesco: per Natale gli studenti dell’Università Lateranense doneranno 50 ore del loro tempo libero a chi vive nel disagio a Roma. Hanno già aderito 130 studenti, per un totale di 7000 ore. 

Il progetto si chiama “50oreXRoma” ed è stato lanciato dalla Pastorale Universitaria della Pontificia Università Lateranense: gli studenti si sono impegnati a donare 50 ore del proprio tempo a coloro che nella città di Roma vivono in situazioni di disagio, povertà, marginalità; a coloro, dunque, che vivono alle “periferie esistenziali” della capitale d’Italia. Gli studenti che hanno aderito sono 130, per un totale di 7000 ore di servizio. Svolgeranno la loro attività caritativa presso organizzazioni da sempre in primo piano nell’impegno in favore degli ultimi come la Caritas di Roma, la comunità di Sant’Egidio, la comunità Arcobaleno per giovani tossicodipendenti, il Policlinico di Tor Vergata, il Sovrano Ordine di Malta. Altri servizi stanno per essere attivati, compreso quello per i carcerati. 

L’iniziativa si ispira al celebre discorso di papa Francesco tenuto alla GMG di Cracovia, lo scorso 30 luglio, con il quale metteva in guardia i giovani dalla tentazione di cedere alla “divano-felicità”: “Un divano che ci aiuti a stare comodi, tranquilli, ben sicuri – diceva papa Francesco – Un divano, come quelli che ci sono adesso, moderni, con massaggi per dormire inclusi, che ci garantiscano ore di tranquillità per trasferirci nel mondo dei videogiochi e passare ore di fronte al computer. Un divano contro ogni tipo di dolore e timore. Un divano che ci faccia stare chiusi in casa senza affaticarci né preoccuparci. La “divano-felicità” è probabilmente la paralisi silenziosa che ci può rovinare di più, che può rovinare di più la gioventù”. 

Per il direttore della Pastorale Universitaria don Mirko Integlia “il Santo Padre ha spesso messo in guardia l’Università dalla possibilità di divenire un castello di vetro dal quale guarda l’umanità con sguardo distaccato. Con questa semplice iniziativa abbiamo voluto creare un ponte tra l’Università e la gente mettendo gli studenti a contatto con la carne viva di chi soffre”. 

La Pastorale Lateranense aveva già iniziato a costruire questo “ponte” con il progetto missionario “12xLUI” nato nel 2015, giunto quest’anno alla sua terza edizione, con il quale 40 studenti sono stati inviati nei cinque Continenti per conoscere le diverse situazioni di povertà e marginalità prestando in esse il proprio servizio gratuito e volontario. Questa esperienza è stata raccontata nel libro “Gioventù Salvata”, scritto dalla giornalista Susanna Lemma, pubblicato in questi giorni dalla casa editrice LUP. 

L’iniziativa “50oreXRoma” è raccontata in un diario virtuale curato dagli studenti.  

Visita il sito www.pul.it  

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni