Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

5 errori che, senza saperlo, potreste commettere a Messa

composition - Shutterstock / Mark Hayes - Shutterstock Gaman Mihai-Radu
Condividi

3 – “…E liberaci dal male”. Amen!

guy pray in a church
(c) Ryan Wiedmaier

Sappiamo bene che, di norma, la cosa corretta è terminare le preghiere pronunciando la parola “Amen”. Perché alla fine del Padre Nostro non si dovrebbe fare? La parola ebraica “Amen”, traducibile grossomodo con “così sia”, si pronuncia al termine delle preghiere; se il Padre Nostro è recitato alla fine della Messa, non si dice “Amen” semplicemente perché la preghiera non è ancora terminata.

Dopo che l’assemblea ha concluso dicendo “liberaci dal male”, anziché dire “Amen” il sacerdote sviluppa l’ultima richiesta del Padre Nostro (liberaci dal male) e continua dicendo: “Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni, e con l’aiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo”.


PER APPROFONDIRE: Perché a Messa non si dice “Amen” alla fine del Padre Nostro?


4 – “Per Cristo, con Cristo e in Cristo…”

smiling priest in a church
ollyy/shutterstock

Ci sono preghiere che sono proprie ed esclusive del sacerdote. Ad esempio “Per Cristo, con Cristo e in Cristo…”, la dossologia con cui il sacerdote chiude l’anafora (parte centrale della Messa). Solo il sacerdote può pronunciarla. Anche se il celebrante invita (dicendo “Tutti insieme!” o cose del genere), i fedeli dovranno rimanere in silenzio, immobili, e rispondere alla fine il solenne “Amen” (cfr. OGMR 151). I laici non devono neanche recitare la preghiera della pace (“Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli ‘Vi lascio la pace, vi do la mia pace’…”). Solo il sacerdote pronuncia questa preghiera.

Bisogna distinguere il ruolo del sacerdote e quello del laico a Messa: “Si deve evitare il rischio di oscurare la complementarietà tra l’azione dei chierici e quella dei laici, così da sottoporre il ruolo dei laici a una sorta, come si suol dire, di «clericalizzazione», mentre i ministri sacri assumono indebitamente compiti che sono propri della vita e dell’azione dei fedeli laici” (Redemptionis Sacramentum).


LEGGI ANCHE: Gli errori liturgici più comuni a Messa


5 – Digiuno eucaristico

web-eating-church-pew-cookie-man-shutterstock-mark-hayes-gaman-mihai-radu-ai
composition - Shutterstock / Mark Hayes - Shutterstock Gaman Mihai-Radu

La Chiesa richiede per norma un digiuno eucaristico di un’ora da cibo e bevande prima della Sacra Comunione, a eccezione di acqua e medicine (CDC 919).

Il digiuno include la gomma da masticare prima e durante la celebrazione. Questa norma non è opzionale, e violarla coscientemente è sacrilegio. Osservare questa norma è segno di massimo rispetto di chi identifica la presenza reale di Cristo nell’Eucaristia, ed è anche la preparazione e la disposizione corretta per ricevere il Signore.


PER APPROFONDIRE: Perché il digiuno prima della Comunione?


Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni