Aleteia

10 regali di Natale che non costano un centesimo

Condividi
Commenta

di Evelyn García Tirado

Quando arriva dicembre, molti si chiedono cosa regalare ai propri cari. Ci sono diverse cose, basate sull’amore e sulla fede, che valgono molto di più di un regalo costoso.

«Il Natale è un avvenimento che si rinnova in ogni famiglia, in ogni parrocchia, in ogni comunità che accoglie l’amore di Dio incarnato in Gesù Cristo. Come Maria, la Chiesa mostra a tutti il «segno» di Dio: il Bambino che Lei ha portato in grembo e ha dato alla luce, ma che è Figlio dell’Altissimo, perché «viene dallo Spirito Santo» (Mt 1,20). Per questo Lui è il Salvatore, perché è l’Agnello di Dio che prende su di sé il peccato del mondo (cfr Gv 1,29). Insieme ai pastori, prostriamoci davanti all’Agnello, adoriamo la Bontà di Dio fatta carne, e lasciamo che lacrime di pentimento riempiano i nostri occhi e lavino il nostro cuore. Tutti ne abbiamo bisogno!» (Papa Francesco).

Ecco una piccola lista che ci auguriamo possa esserti utile!

1. Regala il tuo perdono

perdon

Regalalo, per la tua pace interiore. Alcune persone potrebbero averti fatto del male di proposito, solo per vederti soffrire. Perdona anche loro. E, seppur dovessi pensare di non avere colpe, chiedi perdono anche tu. È l’unico modo per vivere in pace. In Matteo 5: 38-39 leggiamo le parole di Gesù: “Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l’altra”. Non è una semplice metafora, è così che Dio ci ama, ed è così che dobbiamo imparare ad amare ogni persona. È difficile, ma se vogliamo avvicinarci al nostro modello (cioè Cristo) dobbiamo farlo.


LEGGI ANCHE: Il perdono è un atteggiamento sano che aiuta a migliorare la salute


2. Regala la tua preghiera

rezar

Non c’è modo migliore di dimostrare il nostro amore per qualcuno che pregando per lui, mettendolo nelle mani del nostro Padre. Affidiamo i nostri cari a Cristo e alla Madonna, pregando con concentrazione e sentendo nella nostra anima ogni parola che pronunciamo. Ma soprattutto poniamo Cristo e la Vergine davanti a noi, che possano ascoltarci e prendere in considerazione ogni frase che esce dalle nostre labbra. Confidiamo in Cristo, presentiamo i nostri cari al Suo Cuore, parliamo di loro con estrema fiducia in Lui. Come un bambino che parla al suo papà.

3. Regala la tua dedizione e il tuo apprezzamento

aprecio

Recentemente ho chiesto ad una cara amica quale fosse, secondo lei, il miglior regalo di Natale. Con mio gran stupore, lei ha detto: «Una poesia o un disegno, un testo scritto, una cartolina natalizia, dei dolcetti fatti in casa, un capo fatto a mano, una piccola scultura o un mazzo di fiori raccolti appositamente per me». Infatti le persone a noi care non si aspettano un regalo costoso, quanto un dono che rifletta il nostro apprezzamento e il nostro amore per loro, qualcosa che dica loro quanto li amiamo. Nessuno fa caso a quanto tu abbia speso, ma a quanto quel dono parli della tua anima. In fin dei conti i nostri amici e parenti si aspettano qualcosa di estremamente personale che mostri loro che li conosciamo profondamente.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni