Aleteia

14 pietre miliari divertenti e significative per il matrimonio

Michela Ravasio | Getty Images
Condividi
Commenta

Che stiate per raggiungere il primo anno, i 25 o i 50 anni insieme… dovreste sempre puntare a questi anniversari!

Alcune coppie segnano la lunghezza del proprio matrimonio con anniversari di carta, di legno, d’argento o d’oro. Tutti modi significativi, creativi e belli per riconoscere il tempo passato insieme. Ma chi tra noi è sposato da molto tempo sa che ci sono altre pietre miliari del matrimonio che, seppur meno celebrate, potrebbero avere persino più importanza!

Sei mesi

Il traguardo del “reggimi la testa”. Molto probabilmente l’avete raggiunto già prima di esservi scambiati le promesse di matrimonio. Ma dubito abbiate vissuto sei mesi insieme senza passare per nessun virus intestinale o intossicazione! La vita è caotica. E forse lo diventerà ancora di più. Aver visto la parte più imbarazzante dell’altra persona può aiutare ad essere rilassati quando, in futuro, sopraggiungeranno momenti ancor più “fastidiosi” (per usare un eufemismo). Per intenderci, cose come la nausea mattutina, un pannolino sporco che “esplode ovunque”, la varicella trasmessa dai bambini o la fase di recupero dopo un intervento di sostituzione dell’anca (ma si spera che quest’ultima cosa arrivi ben più tardi).

La cosa importante è che – per quanto ci si possa sentire sporchi o puzzolenti – adesso c’è qualcuno su cui contare.

Un anno

Tradizionalmente questo anniversario viene considerato “di carta”. Ma io lo considero l’anniversario “della carta igienica”, perché non c’è dono più grande del sostituire un rotolo terminato… senza doverlo chiedere al coniuge né farlo da solo. Ad un anno si impara che il punto non è portare a casa un mazzo di fiori, ma assicurarsi che ci sia latte in frigo e detersivo accanto alla lavatrice. Dopo un anno ci si renderà conto che le piccole cose (persino le cose piccolissime, come ad esempio rimettere il tappo al dentifricio) possono in realtà essere dei grandi gesti che finiscono col mantenere forte il matrimonio.

Cinque anni

La pietra miliare del “siamo stati invasi dagli alieni”. Una mattina ci si sveglia per scoprire che i coniugi sono separati da uno o due corpi dormienti, uno dei quali ha il piede appoggiato sulla faccia della mamma. E da qualche parte, in quel marasma, potrebbe esserci anche un cagnolino peloso. E che dire di quella sensazione di caldo/umido che si diffonde sotto alla schiena? Beh, stare da soli (asciutti e ben riposati) è decisamente sopravvalutato.

Sette anni

Il traguardo dell'”è inutile continuare a segnare il punteggio”. Ti renderai conto che, piaccia o meno, alcune mansioni noiose spetteranno sempre a te (come inserire una trapunta extra large nel suo copri-piumone). Ma siamo sinceri, anche l’altra persona ha a che fare con dei compiti che spettano solo a lui: arrampicarsi sul tetto per controllare la grondaia dopo una tempesta, oppure intrappolare il topolino che scorrazza in cucina. Certo, all’inizio pensavate che avreste diviso ogni compito in modo uniforme e che avreste fatto insieme ogni lavoro… ma alla fine vi siete resi conto che sarebbe stato più comodo far svolgere ad ognuno la propria mansione. E in fin dei conti una trapunta pulita è sicuramente più profumata di un topo morto, quindi va bene così.


LEGGI ANCHE: 65 anni di matrimonio e non sentirli!


10 anni

La pietra miliare dell’avere “più figli che mani”. O forse è solo un’impressione. Sai soltanto che è arrivato l’esercito. Il vostro territorio è invaso. State perdendo ogni battaglia. Avete un bisogno disperato di rinforzi. E tu e tuo marito siete felicemente in inferiorità numerica… anche se doveste avere solo un figlio.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni