Aleteia

“Stop Utero in Affitto!” lo spot prima censurato poi di nuovo in sala

Condividi
Commenta

L’associazione ProVita ha realizzato uno spot informativo sulla pratica dell’utero in affitto. Proposta al circuito cinematografico italiano della UCI, uno dei più diffusi, aveva subito delle lamentele e aveva optato per una sospensione, ma poi c’è stata una evoluzione della vicenda: «In seguito ad alcune segnalazioni ricevute nei giorni scorsi da alcuni clienti, Uci Cinemas ha sospeso per tre giorni la programmazione di uno spot contro l’utero in affitto nell’ambito del pre-show che precede la proiezione dei film. Effettuate le dovute e opportune verifiche, il Circuito ha deciso di riammetterla».

Soddisfazione da parte dell’associazione e da parte del Senatore Carlo Giovanardi che aveva denunciato il circuito UCI ma che ora lo ringrzia: «per la sensibilità dimostrata. La ripresa della programmazione – aggiunge – salvaguarda la libertà di espressione, in riferimento per di più a una pratica che è penalmente perseguibile» (Avvenire)

Lo spot descrive il dramma di una donna inseguita dal ricordo del bimbo tenuto in gestazione da cui poi è stata separata per sempre.

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
utero in affitto
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni