Aleteia

11 cose che i cristiani possono fare per evitare la violenza sulle donne

ninocare
Condividi
Commenta

Bisogna rompere il silenzio sulla violenza domestica…

Chi si ritiene un seguace di Gesù ha l’obbligo morale di informarsi su questo tema. Le Conferenze episcopali di diversi paesi (USA, Australia, Nuova Zelanda, etc.) ci ricordano cosa fare di fronte alla violenza sulle donne:

1. Prima di tutto, ascoltare la donna che racconta il suo problema. Ma ascoltare non è sufficiente, bisogna credere a quella donna. Perché la prima cosa di cui ha bisogno una donna maltrattata è di sentirsi creduta. Proprio perché parte degli abusi subiti consistono nell’essere stata insultata, isolata, ritenuta pazza, incapace e inutile…

2. Evitare soluzioni semplicistiche e false spiritualizzazioni del problema.


LEGGI ANCHE: Violenza sulle donne nel matrimonio, la Chiesa: denunciateli!


3. Evitare un cattivo uso delle scritture per giustificare in qualche modo il dominio maschilista.

© Corinne SIMON/CIRIC

4. Informarsi sulle risorse disponibili nella comunità (medici, avvocati, rifugi, psicologi ed educatori) e sapere come e quando contattare le persone che possono offrire un aiuto specialistico.

5. Prepararsi ad affrontare eventuali domande spirituali che sorgono sul rapporto della persona con Dio, sul suo valore e sulla sua dignità di persona.

© Gpointstudio / Shutterstock

6. Creare in parrocchia un’atmosfera tale in sui laici e sacerdoti possano discutere, apertamente e con onestà, sulla violenza contro la donna.

Pagine: 1 2

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni